fbpx

L’invasione silenziosa.Dedicato ai pesci esotici del Piemonte il nuovo numero speciale di Piemonte Parchi

Ambiente & Salute

Oggi, 1 aprile, è uscito il numero speciale di Piemonte Parchi intitolato ‘Pesci esotici. L’invasione silenziosa’, un volume dedicato alla fauna ittica aliena che sempre più popola i nostri fiumi.

Come si fa a riconoscere un pesce? E c’è differenza tra una specie ittica esotica e una indigena? Ci sono norme dedicate alla gestione dell’ittiofauna? Le specie alloctone sono davvero un problema? E in che misura?

A queste e ad altre domande cerca di rispondere il nuovo numero speciale di Piemonte Parchi, intitolato ‘Pesci esotici. L’invasione silenziosa’ e curato in collaborazione con il CRIP (Centro di Referenza per l’Ittiofauna del Piemonte), istituito dalla Regione Piemonte presso le Aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, in associazione con le Aree protette del Po Piemontese e i Parchi Reali.

Una pubblicazione di 166 pagine dal taglio divulgativo che affronta numerosi temi legati all’ittiofauna alloctona in Piemonte: dagli impatti delle specie aliene alle possibili soluzioni; dai contributi della citizen science alla descrizione degli ecosistemi acquatici; da viaggi nel tempo e nello spazio in compagnia della trota fario a divagazioni culturali e cinefile, con tanto di presentazione di personaggi e storie curiose.

All’interno del numero, un inserto più tecnico composto da 31 schede vorrebbero aiutare i lettori a riconoscere e a far conoscere i pesci che abitano i fiumi piemontesi e che è stato redatto grazie alla collaborazione di ittiologi, biologi, guardiaparco, tecnici, fotografi e funzionari regionali impegnati a spiegare e a illustrare, al vasto pubblico, come le specie esotiche si stanno diffondendo.

Perché da sempre l’uomo, nelle sue migrazioni e colonizzazioni, ha favorito involontariamente o volontariamente il trasporto di vegetali e di animali in tutto il mondo. Bisogna però ricordare che ogni organismo riveste, nel luogo d’origine, un ruolo preciso e occupa una ben definita nicchia ecologica, in equilibrio con gli altri elementi dell’ambiente. Raramente, però, le specie introdotte si inseriscono in modo armonico nell’ambiente perché manca il processo di co-evoluzione: nella maggior parte dei casi, invece, concorrono a accelerare i processi di degrado ambientale determinando l’estinzione o la riduzione dell’areale di distribuzione delle specie indigene.

La pubblicazione ‘Pesci esotici. L’invasione silenziosa’ è inviata – gratuitamente, e in formato PDF – a tutti i lettori di Piemonte Parchi e verrà stampato in edizione limitata per essere distribuito attraverso gli Enti di gestione delle Aree naturali protette.

Come ricevere il numero speciale:

Se si è già iscritti a Piemonte Parchi News, è sufficiente mandare una mail a biodiversita@regione.piemonte.it con oggetto: ‘Inviatemi lo speciale: Pesci esotici. L’invasione silenziosa’
Se non si è iscritti a Piemonte Parchi News, inviare una mail a biodiversita@regione.piemonte.it con oggetto: ‘Iscrivetemi a Piemonte Parchi News’. Si verrà così iscritti alla news letter settimanale e come regalo di benvenuto, si riceverà il numero speciale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE