Il partito unico di destra ovvero la cessione a titolo oneroso di Forza Italia alla Lega di Salvini

Politica

Di

L’esposizione debitoria del partito azienda ha ormai raggiunto circa cento milioni.

I politici eletti in Parlamento da tempo non versano l’obolo mensile che pure si sono impegnati a versare. Berlusconi è costretto a garantire il pagamento con fideiussioni bancarie che Marina e Piersilvio sanno che, alla fine, sarà la famiglia a provvedere al loro ripianamento. La soluzione l’ha prospettata Matteo Salvini che vede la possibilità di una fusione, politicamente tutta a suo vantaggio, della Lega con FI.

Mediante incorporazione! La Lega vede enormi vantaggi soprattutto per il controllo dei mezzi televisivi che attualmente sembrano favorire la Meloni, non fosse altro per il tempo che MEDIASET le concede: nel mese di aprile 2021 la presenza dei Fratelli d’Italia è stata del 17% a fronte del 14% della Lega.

E questo contribuisce a incrementare la base elettorale della Meloni che avanza costantemente nei consensi. Almeno nei sondaggi che si mostrano meno generosi con Salvini.

Dunque, il cd partito unico di destra, che i protagonisti della trattativa vogliono accreditare come lo strumento politico che salverebbe l’Italia e gli Italiani, altro non è che un contratto privato con il quale a Salvini si garantisce una maggiore presenza nei telegiornali e negli altri programmi Mediaset e alla famiglia Berlusconi di collocare persone fidate nei consigli di amministrazione della RAI.

Dunque, un contratto di affari dal quale sperano entrambi, Berlusconi e Salvini, di trarre più vantaggi possibili. Ma, ovviamente, l’operazione sarà presentata come la creazione di uno strumento politico per la realizzazione di interessi generali, tutti a vantaggio dell’Italia e degli Italiani.

Ma, in realtà, non sarà che la prosecuzione del berlusconismo e della sua idea di partito aziendale che, a lungo o medio termine, procurerà qualche delusione al solo Salvini.

Raffaele Vairo

Redazione Corriere Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube