Draghi: si’ ad obbligo vaccinale e alla terza dose. Green pass sara’ esteso

Politica

Di

“Speranza e io ne discutiamo da tempo.

L’orientamento è sì, verrà esteso. Per decidere quali sono i passi e i settori che dovranno averlo prima faremo una cabina di regia, come peraltro chiesto dal senatore Salvini, ma la direzione è quella”.

Così in conferenza stampa il presidente del Consiglio Mario Draghi a proposito dell’estensione del green pass. In conferenza il premier è affiancato dal ministro della Salute Roberto Speranza, dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, dal ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini e dal ministro per le Infrastrutture e le mobilità sostenibili Enrico Giovannini. “Sì a entrambe le domande” risponde ancora il premier sulla possibile introduzione dell’obbligo vaccinale (dopo il pronunciamento di Aifa ed Ema) e alla terza dose.

E sulle violenze no-vax dice: “Devo esprimere la mia solidarietà piena a tutti coloro che sono stati e sono oggetto di violenza e di odio da parte dei cosiddetti no-vax. Questa violenza è particolarmente odiosa e vigliacca quando è fatta nei confronti di persone che fanno informazione e di persone che sono in prima linea a combattere pandemia”.

“La campagna vaccinale procede spedita, verso la fine si settembre sarà vaccinato l’80% della popolazione e già oggi il 70% è completamente vaccinato.

Sono abbastanza fiducioso che raggiungeremo l’obiettivo dell’80 per cento per fine settembre, che dà un grande conforto sia per la ripresa dell’attività produttiva sia per la ripresa della scuola” afferma Draghi.

“Voglio guardare al lato positivo della situazione, che ci dice che la campagna vaccinale è stata abbracciata con grande entusiasmo dai giovani” dice il premier, evidenziando che “l’adesione massiccia dei giovani e la copertura estesa a livello nazionale ci permette di affrontare con una certa tranquillità e con minori incertezze dell’anno scorso l’apertura delle scuole.

La scuola in presenza è sempre stata una priorità, la priorità di questo governo”. “Il 91,5% degli insegnanti – aggiunge – ha ricevuto almeno una dose di vaccino, quindi almeno su quel fronte siamo pronti.

L’approvazione del Green pass sta andando bene: come per i trasporti vi saranno sempre casi di cose che non vanno ma in generale l’impressione è che la preparazione sia stata accurata e ben fatta, e che insomma il governo non abbia passeggiato, come dice qualcuno, durante l’estate”.

Sulle tensioni nella maggioranza, in particolare quelle tra Lega e Pd, Draghi afferma che “il chiarimento politico lo fanno le forze politiche. È chiaro che è auspicabile una maggiore convergenza e una maggiore disciplina nelle deliberazioni politiche. Il governo va avanti”. In merito al dibattito sul Colle Draghi dice:”trovo un po’ offensivo pensare al Quirinale come altra possibilità, anche nei confronti del presidente della Repubblica”. E assicura che dell’esperienza di governo non vede “la fine, vedo una coalizione con le sue divergenze. Il governo va molto d’accordo nei suoi membri e il Parlamento ha fatto uno straordinario lavoro e continua a farlo, non vedo nessun disastro all’orizzonte”. 

Poi la questione Afghanistan, oggetto dell’incontro a Marsiglia con il presidente francese Macron: “Nel futuro immediato dobbiamo concentrarci al massimo in direzione umanitaria, dobbiamo aiutare gli afghani” sottolinea il premier, aggiungendo che “per i rifugiati afghani è stato individuato un percorso speciale, è stata loro immediatamente data la condizione di rifugiato il che li equipara sostanzialmente a dei cittadini italiani e sono stati tutti vaccinati immediatamente”.

“La pratica di vaccinazione immediata verrà estesa a tutti i migranti che verranno, ora si tratterà di organizzarla ma è importante che siano vaccinati all’arrivo” dice Draghi, che sulla questione immigrazione difende il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese: “Secondo me lavora molto bene, il problema è molto difficile, non ho trovato nessuno che lo risolvesse con la bacchetta magica e i numeri di quest’anno non sono spaventosi, abbiamo avuto anni peggiori”.

Poi Draghi tocca i temi economicii: “L’economia continua a crescere, anche molto più delle aspettative. Anche questo ci dà un po’ di incoraggiamento, il mercato del lavoro va bene, c’è circa mezzo milione di occupati in più e l’occupazione in generale non mostra segni di cedimento.

Anche lì vi sono situazioni riprovevoli per il modo in cui sono state condotte e anche lì il governo dovrà intervenire caso per caso, ma generalmente la situazione è positiva”. 

La leader di Fdi Giorgia Meloni su Facebook scrive: “Surreale conferenza stampa di Draghi e di mezzo Governo.

Su trasporti e scuola il presidente del Consiglio dice che la preparazione è stata ‘ben fatta’ e che ‘ce l’abbiamo messa tutta’, peccato che nessuno se ne sia accorto.

Il tutto condito dalle notizie fuorvianti sull’epidemia diffuse dal ministro dell’Istruzione Bianchi: se in una classe sono tutti vaccinati non ci sarà obbligo di mascherina.

Qual è la ratio di questa scelta priva di giustificazione scientifica, visto che i vaccinati possono contagiare ed essere contagiati?

Poi Draghi annuncia la volontà di estendere il green pass, nonostante sia una misura economicida e inutile a combattere il contagio, e dice sì all’introduzione dell’obbligo vaccinale.

Infine, la ciliegina sulla torta: i complimenti del premier al ministro dell’Interno Lamorgese, che per lui ‘lavora molto bene’.

E che sui migranti i numeri ‘non sono spaventosi’.

Assurdo. Come Fratelli d’Italia siamo sempre più convinti che restare all’opposizione di questo Governo sia la scelta migliore per difendere gli interessi degli italiani”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube