Per non dimenticare i tirocinanti dell’avviso 22 della Sicilia. Diamo voce a chi non ha voce!

Attualità & Cronaca

Di

Riceviamo e pubblichiamo.

Il Corriere Nazionale per la difesa dei diritti umani

Sono Oreste Lauria portavoce dei tirocinanti dell’avviso 22 della regione Siciliana.

Basta con le scuse, sono davvero stanchi di aspettare i tirocinanti dell’avviso 22.
Un paradosso tutto siciliano, rimaniamo davanti a tutta questa vicenda esterefatti.
Da quasi 2 anni ancora bisogna pagare i tirocinanti e veramente grave.

Trascorsa l’estate senza avere notizie, se non quelle relative ai continui ritardi accumulati dal Dipartimento lavoro della Regione Siciliana, vogliamo che venga affrontata seriamente la situazione tra assessorato al lavoro ed enti promotori sui pagamenti dei tirocinanti dell’Avviso 22.

leggi anchehttps://www.corrierenazionale.net/avviso-22-chiediamo-interrogazione-parlamentare-dinchiesta-allars/(si apre in una nuova scheda)

Ci sono tirocinanti che hanno iniziato il tirocinio avviatosi già nel settembre 2019 concludendo il percorso formativo nel 2020 ad oggi nessun pagamento dall’assessorato al lavoro.

I tirocinanti vogliono chiarezza in questa vicenda. E davvero assurdo l’atteggiamento delle istituzioni e della politica regionale, evidentemente preferiscono di non intervenire?

leggi anche https://www.corrierenazionale.net/diamo-voce-a-chi-non-ha-voce-i-tirocinanti-dellavviso-22-della-regione-siciliana/

Vogliamo che intervenga il Parlamento regionale per tutelare i nostri diritti di lavoratori e vogliamo una netta presa di posizione del Governo regionale.

leggi anche https://www.corrierenazionale.net/la-storia-infinita-dei-pagamenti-dellavviso-22-della-regione-siciliana

E’ necessario fare chiarezza e snellire al più presto le pratiche di pagamento che attualmente si trovano negli uffici del Dipartimento lavoro.

Ad oggi farne le spese sono sempre i tirocinanti che ad oggi non conoscono minimamente le tempistiche di sviluppo delle pratiche di pagamento che li riguardano.

Sono davvero stanchi, delusi e demoralizzati da questa situazione e pretendono solamente quanto gli spetta dalla Regione Siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube