La battaglia della Bce contro l’inflazione

Economia & Finanza

Di

Sui tassi possibile intervento più deciso a settembre, l’Eurotower vuole accelerare nella creazione di uno strumento anti-spread.

© GLYN KIRK / AFP
– La presidente della Bce, Christine Lagarde

 

AGI – Il board della Bce ha rinnovato il suo impegno affinché l’inflazione ritorni all’obiettivo del 2% nel medio termine, lo si legge nelle minute dell’ultima riunione del board della Banca centrale europea sulla politica monetaria. “I membri concordano sul fatto che la comunicazione debba sottolineare che l’inflazione elevata rappresenta una sfida importante e che il Consiglio direttivo si assicurerà che l’inflazione ritorni all’obiettivo del 2% nel medio termine. Il Consiglio direttivo manterrebbe l’opzionalità, la dipendenza dai dati, il gradualismo e la flessibilità nella conduzione della politica monetaria, senza gerarchia tra questi principi guida”.

L’alta inflazione rischia di radicarsi

La preoccupazione di Francoforte viene dal fatto che “il livello storicamente elevato dell’inflazione core ha indicato crescenti rischi che un’inflazione più elevata diventi più radicata e persistente“.
L’inflazione è “ulteriormente salita all’8,1% a maggio. Sebbene i governi siano intervenuti e abbiano contribuito a rallentare l’inflazione energetica, i prezzi dell’energia si sono attestati del 39,2% al di sopra dei livelli del 2021. Gli indicatori basati sul mercato hanno suggerito che i prezzi globali dell’energia rimarrebbero elevati nel breve termine, per poi moderarsi in una certa misura”.

Se la guerra in Ucraina “dovesse intensificarsi, il sentiment economico potrebbe peggiorare, i vincoli dal lato dell’offerta potrebbero aumentare e i costi energetici e alimentari potrebbero rimanere costantemente più alti del previsto“.

Stagflazione improbabile

“Sebbene le prospettive di crescita a medio termine apparissero equilibrate in termini di rischi, i prossimi trimestri sarebbero deboli e occorre tenere presente il rischio di una recessione tecnica. Tuttavia, si è generalmente ritenuto che la stagflazione fosse un esito improbabile”.

Il board della banca centrale concorda “ampiamente” con i rischi al ribasso per l’attività economica previsti dalle proiezioni del personale a breve termine. “I rischi relativi alla pandemia erano diminuiti, ma la guerra ha continuato a rappresentare un significativo rischio al ribasso per la crescita“, è la riflessione.

In particolare, “un’ulteriore interruzione dell’approvvigionamento energetico nell’area dell’euro rappresenterebbe un grave rischio, come si evince dallo scenario al ribasso incluso nelle proiezioni degli esperti”.

In tale contesto, è stato sottolineato che “i rischi al ribasso non erano legati solo agli shock negativi sui costi, ma anche all’impatto dell’incertezza sulla domanda. Inoltre, c’era ancora il rischio che la pandemia potesse ricominciare”.

Possibili rialzi tassi più consistenti

Alcuni membri del direttivo della Bce erano a favore di un rialzo maggiore dei 25 punti base decisi.  “Un certo numero di membri ha espresso una preferenza iniziale per mantenere la porta aperta per un’escursione più ampia durante la riunione di luglio”. Se le prospettive di inflazione non miglioreranno a settembre la Bce procederà ad un aumento dei tassi superiore a 25 punti base.

“È stato ampiamente convenuto che il Consiglio direttivo dovrebbe a questo punto essere più specifico sulle sue aspettative per la riunione di settembre e, in particolare, aprire le porte a un aumento dei tassi di interesse di riferimento della Bce di oltre 25 punti base. Un incremento maggiore sarebbe appropriato alla riunione di settembre se le prospettive per l’inflazione a medio termine non fossero migliorate”.

Accelerare per strumento anti-spread

Il board si è soffermato “sull’allargamento degli spread sovrani negli ultimi mesi” e in tale contesto “è stato osservato che l’istituzione di uno strumento anti-frammentazione non contrastava con la necessità di contenere le pressioni inflazionistiche”.  E si spiega: “È stato chiesto di lavorare su un possibile nuovo strumento anti-frammentazione da accelerare e completare rapidamente poiché il rischio di frammentazione potrebbe intensificarsi con l’avanzare della normalizzazione della politica monetaria da parte della Bce”.

La premessa è che “affrontare la frammentazione potrebbe essere considerato necessario per mettere il Consiglio direttivo in una posizione migliore per accelerare la normalizzazione della politica monetaria, se giustificato dalle prospettive di inflazione. Si è fatto riferimento al ‘principio di separazione’ – sottolineano le minute – introdotto dalla Bce all’indomani della crisi finanziaria per distinguere tra misure atipiche volte a salvaguardare la trasmissione della politica monetaria e strumenti volti a definire un adeguato orientamento politico per l’area dell’euro nel complesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube