Il 60% delle ragazze e il 62% delle donne non si sente rappresentato nei videogiochi

Arte, Cultura & Società

Di

Ricerca di Dove, realizzata con women in games.

L’AUTOSTIMA DI OLTRE UN TERZO DELLE GIOVANI RAGAZZE È INFLUENZATA NEGATIVAMENTE DALL’ATTUALE MANCANZA DI DIVERSITÀ TRA I PERSONAGGI DEGLI AVATAR1

Dove collabora con alcune aziende dell’industria dei giochi Women in Games, con il team di formazione Unreal Engine di Epic Games e con Toya in un insieme di impegni volti ad aumentare la diversità e la rappresentazione dei personaggi femminili in questo settore, nonchè sostenere le ragazze nell’educazione all’autostima.

MILANO – Dove lancia Real Virtual Beauty, un insieme di impegni sostenuti da partner dell’industria del gaming, tra cui il team educativo Epic Games’ Unreal Engine’s e Women in Games, per contrastare gli stereotipi di bellezza e garantire alle prossime generazioni di giocatori e giovani creator gli strumenti necessari per costruire l’autostima e la fiducia nel proprio corpo.

Da oltre 60 anni, Dove si impegna a creare un’esperienza positiva di bellezza per le donne e le giovani ragazze – lavorando per infrangere canoni estetici dannosi tali da incidere quotidianamente sul modo in cui donne e giovani ragazze si sentono nei confronti del proprio corpo nonché sulla loro autostima.

Attraverso i suoi programmi convalidati a livello accademico, il Dove Progetto Autostima ha raggiunto più di 82 milioni di giovani in 150 paesi. Il numero di donne e giovani ragazze che giocano ai videogiochi sta crescendo come mai prima d’ora, ed è proprio in questo contesto che Dove sta portando avanti il suo impegno per creare un mondo virtuale più inclusivo.

I partecipanti che completeranno il corso avranno l’opportunità di mostrare i loro lavori finali con il lancio di una galleria online di personaggiReal Virtual Beauty” – curata da Dove e disponibile sulla Art Station di Epic Games – contribuendo, così, ad elevare lo standard per la rappresentazione autentica, diversificata e inclusiva di donne e ragazze nel mondo dei giochi.

Parallelamente, il Dove Progetto Austostima intende garantire alla prossima generazione di creatori e giocatori gli strumenti per costruire l’autostima e la fiducia nel proprio corpo attraverso il lancio di SuperU Story, la prima esperienza Roblox al mondo – in collaborazione con Toya – progettata per educare all’autostima.

Oggi 1,3 miliardi di donne e ragazze costituiscono la metà della comunità2 globale dei giochi, con un 60% che inizia a giocare prima di aver compiuto 13 anni. Una nuova ricerca di Dove1 –  co-pubblicata insieme a Women in Games, organizzazione internazionale che mira a creare condizioni di parità per le donne nel settore dei videogame, e il Centre for Appearance Research (CAR) – rivela che i videogiochi riflettono ancora modelli di bellezza basati su standard rigidi, tali da far sentire sottorappresentate molte donne e danneggiare, così, l’autostima delle ragazze: 

Leandro Barreto, Dove Global Vice President: In Dove crediamo che la bellezza debba essere una fonte di sicurezza, non di ansia, in ogni aspetto della vita, sia reale che virtuale. Nell’ambito della missione sociale di Dove per promuovere la fiducia e l’autostima, stiamo adottando misure per affrontare la proliferazione di stereotipi negativi nell’industria del gaming in rapida crescita. Attraverso il nostro lavoro con il team educativo di Unreal Engine e Women in Games, insieme al lancio di SuperU Story – speriamo di avere un impatto reale su milioni di donne e ragazze che trascorrono il loro tempo libero giocando”.

A conferma del suo impegno costante nel rappresentare una bellezza inclusiva e autentica, il brand offrirà una serie di sovvenzioni e premi ai migliori designer di personaggi di Real Virtual Beauty, supportandoli nel finanziare e diffondere il loro lavoro e dando loro l’opportunità di apparire in alcuni dei più importanti giochi del settore. La galleria di personaggi Real Virtual Beauty comprenderà risorse per avatar utilizzabili gratuitamente in Unreal Engine 4 e 5. 

“La rappresentazione delle donne nelle piattaforme, nei prodotti e nei servizi di gioco è da tempo un problema”, spiega Marie-Claire Isaaman, CEO di Women in Games. “Come attivisti, Women in Games ha come obiettivo principale quello di sostenere le donne e le ragazze nell’industria dei giochi e, in generale, tutti coloro che giocano. Siamo quindi lieti di vedere Dove e i suoi alleati nell’industria dei giochi affrontare questo problema con l’introduzione della Real Virtual Beauty Library e del Real Beauty in Games Training Programme, oltre che con il lancio di Super U Story. Ciò che conta davvero è che gli strumenti innovativi e la formazione raggiungano il pubblico di riferimento, dove c’è l’opportunità di avere un impatto reale. Women in Games sostiene con determinazione questo obiettivo per far sì che ciò accada”. 

“Siamo onorati di collaborare con Dove e con i maggiori esperti del settore per creare il corso di formazione Real Beauty in Games e speriamo che insieme, come comunità, possiamo rendere la bellezza autentica una realtà nei mondi digitali”, ha dichiarato Julie Lottering, Director, Unreal Engine Education di Epic Games. “Con il corso di formazione intendiamo far conoscere e informare gli sviluppatori di videogiochi della ricerca resa disponibile, in modo che gli artisti capiscano perché la rappresentazione nella progettazione dei giochi riveste un ruolo cruciale, e anche per insegnare agli artisti come utilizzare gli strumenti e le tecniche disponibili per creare personaggi più autentici in modo che tutti i giocatori si sentano più sicuri e liberi di essere sé stessi nel divertirsi con gli amici”.

Parte dell’ambizione di Dove di trasformare i giochi in un luogo positivo è quella di vedere un maggior numero di esperienze di gioco che non solo intrattengano, ma ispirino ed educhino le giovani generazioni.

Ecco quindi SuperU Story, la prima esperienza di Roblox al mondo – guidata dal game studio fondato da donne Toya – e progettata specificamente per aiutare le ragazze a fronteggiare una bassa autostima e a costruire un rapporto positivo nei confronti del proprio corpo attraverso un’esperienza virtuale unica nel suo genere che incoraggia gli utenti a essere se stessi invece di aspirare a stereotipi e ideali di bellezza irrealistici. Interamente gratuita e disponibile da subito, l’esperienza è un’estensione del Dove Progetto Autostima, il più grande fornitore al mondo di educazione all’autostima. SuperU Story è stato ideato in collaborazione con il Dove Youth Board e convalidato da esperti psicologi del Centre for Appearance Research, un’istituzione accademica che si occupa di studiare come aspetto e immagine del corpo influenzano la vita delle persone. 

“Siamo orgogliosi di collaborare con Dove e il Centre for Appearance Research su SuperU Story per parlare alle giovani giocatrici che sono spesso sottorappresentate o stereotipate”, ha detto Anat Shperling, Fondatore e CEO di Toya. “L’esperienza Roblox è anche un invito per i genitori a conoscere meglio il mondo digitale in cui la nuova generazione “vive” e a sostenere giochi ed esperienze che riflettano meglio le pari opportunità, personaggi diversi, e storie più dinamiche in tutto lo spettro di genere.”

Real Beauty in Games Training Program and Art Collection:

Attraverso l’utilizzo di 6 moduli video e audio da 10 minuti – sviluppati in partnership con Dr Phillippa Diedrichs, a Professor of Psychology at the Centre for Appearance Research, e gli esperti del settore Raqi Syed e Areito Echevarria – il programma di formazione combinerà teoria, elementi tecnici e pratici, che evidenziano le questioni cruciali legate alla bellezza della diversità affrontate nei videogiochi come funzionalità del corpo, aspetto, costume e prestazioni. Il programma di formazione online mira a insegnare agli utenti come evitare bias cognitivi nel design dei personaggi avatar, a sua volta fornendo agli sviluppatori dei giochi una piattaforma per ridefinire il modo in cui i personaggi femminili sono costruiti nel panorama del gaming.

La Real Virtual Beauty Art Collection includerà risorse per avatar disponibili gratuitamente su Art Station, lo strumento di creazione 3D in tempo reale più aperto e avanzato al mondo di Epic Games che consente ai giocatori di esprimere la propria individualità attraverso il design dei propri avatar.

Super U Story:

SuperU Story ruota attorno a The Academy – una scuola per bambini con superpoteri – sotto attacco di un gruppo di studenti ribelli intenzionati a diffondere la negatività. La missione è quella di aiutare i giocatori a trovare ciascuno il proprio superpotere di volo, fuoco, acqua o di velocità, per schivare e distruggere la negatività velenosa contribuendo, così, a salvare l’Accademia altrimenti sopraffatta. I giocatori possono personalizzare i propri avatar così da sperimentare versioni più rappresentative di bellezza, fare squadra con gli amici per esplorare l’Accademia, guadagnare livelli e completare missioni.

Dove Progetto Autostima:  

Dove è il più grande fornitore al mondo di educazione all’autostima e con il progetto Autostima Dove offre da quasi due decenni strumenti gratuiti e convalidati dal punto di vista accademico a genitori, insegnanti, tutor e ragazzi. Ad oggi, Dove ha raggiunto con il DSEP oltre 82 milioni di giovani in 150 Paesi, con l’obiettivo di influenzare 250 milioni di giovani entro il 2030. 

Epic Games’ Unreal Engine:

Unreal Engine consente agli sviluppatori e ai creatori di videogiochi dei diversi settori di realizzare contenuti ed esperienze 3D in tempo reale di nuova generazione con una libertà, un’accuratezza e una flessibilità mai viste prima e rappresenta lo strumento di creazione 3D in tempo reale più inclusivo e avanzato al mondo. 

Women in Games:

La missione di Women in Games è quella di costruire e mantenere un ambiente equo, paritario e sicuro che dia potere alle ragazze e alle donne nell’ecosistema globale dei giochi. Il loro ambizioso obiettivo è creare nuove piattaforme, percorsi e sinergie che favoriscano le opportunità di conferire maggior voce e riconoscimento alle donne nel settore globale del gaming, riunendo persone che promuovono il cambiamento, sostenitori, uomini e ragazzi, campioni, esperti, organizzazioni porta a porta e altri, per nuovi dialoghi incentrati su soluzioni condivise verso l’equità e l’uguaglianza per tutti. 

Centre for Appearance Research (CAR):

CAR è il più grande gruppo di ricerca al mondo che ha come focus il ruolo dell’aspetto e dell’immagine del corpo nella vita delle persone. È un centro di eccellenza per la ricerca psicologica e interdisciplinare incentrata sul paziente in materia di aspetto, deturpazione, immagine corporea e studi correlati. 

Toya:  

Toya è un pluripremiato studio di Roblox, fondato e guidato da donne, già autore del successo di Miraculous Ladybug RP. Con sede a Tel Aviv, in Israele, lo studio di contenuti generati dagli utenti (UGC) produce giochi non lineari e aperti sulla piattaforma Roblox con una forte attenzione alla comunità e alla costruzione di un mondo per il giovane pubblico femminile, spesso trascurato e non rappresentato. I giochi di Toya sfidano le “norme” tradizionali delle ordinarie esperienze di gioco e offrono una visione culturalmente innovativa e inclusiva del gaming.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube