Reddito cittadinanza: Roberti, arresto per droga percettore fa pensare

Friuli Venezia Giulia

Di

“S’impone revisione dello strumento. Grazie a Fiamme gialle

PORDENONE–  “Un doveroso ringraziamento va alla Guardia
di Finanza di Pordenone che ha condotto l’operazione che ha
portato all’arresto di una persona la quale, stando a quanto
emerso dalle indagini svolte dalle Fiamme gialle a cui va anche
il nostro plauso, avrebbe svolto attività di spaccio di droga
percependo il reddito di cittadinanza. È l’ennesima dimostrazione
del fatto che la misura prevista dal governo va assolutamente
rivista alla luce di fatti di questo genere che sono ormai sempre
più frequenti”.

E’ quanto affermato dall’assessore regionale alla Sicurezza e
all’immigrazione Pierpaolo Roberti rispetto alla notizia diffusa
oggi dal Comando della Guardia di Finanza di Pordenone relativa
all’arresto di un uomo originario dell’Afghanistan che deteneva
nella propria abitazione quasi 2 chili di hashish e 123 grammi di
cocaina. L’uomo – stando alle indagini dei finanzieri – risulta
aver percepito, fino a luglio scorso, anche il reddito di
cittadinanza, beneficio sulla cui spettanza verranno ora fatti i
necessari approfondimenti. Nell’immobile in cui l’uomo era
domiciliato i militari hanno trovato e sequestrato, nascosti tra
effetti personali, bagagli e indumenti, 24 “panetti” e 70 dosi
confezionate di hashish e 130 dosi e 2 sacchetti di cocaina.
Sequestrati anche contanti, in banconote di vario taglio, per
oltre 39 mila euro, possibile provento dello spaccio.

“Un ulteriore episodio – ha aggiunto l’assessore – che deve fare
riflettere su un necessario ripensamento complessivo di una
misura che non assolve certo alle necessità di risposta verso le
povertà e la disoccupazione. È poi singolare – fa notare
l’esponente della Giunta regionale con la delega alla Sicurezza –
che il fatto si verifichi proprio nella stessa giornata in cui il
leader del movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo, proprio a
difesa del Reddito di cittadinanza, lancia le Brigate di
cittadinanza costituite dai percettori del reddito che dovrebbero
lavorare per la comunità. Mi chiedo – sottolinea non senza
qualche ironia l’assessore Roberti – quale tipo di lavoro
immagini il leader dei Cinque Stelle per persone come quella che
oggi è stata arresta a Pordenone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube