Avv. Pecorella alla candidatura, quale componente laico del Consiglio Superiore della Magistratura Italiana

Ora Legale

Di

di Natasha Shehu 

Avv. Pecorella alla candidatura, quale componente laico del consiglio superiore della magistratura italiana

***

Sarà il Parlamento, il prossimo 13.12.2022 in seduta comune, a decidere sulla candidatura del Avv. Gaetano Porcella gia Presidente dell’Unione Camere Penali.

E’ stato “IL DUBBIO” che nell’introdurre l’intervista dell’Avv. Pecorella, la quale viene riportata integralmente, sottolinea quanto detto dall’Avvocato: “Sostengo il diritto di difesa e sono garantista, per questo c’è chi non mi vuole al Csm».

Pronto per il Csm, serve un’alleanza contro il correntismo»

Intervista all’avvocato Gaetano Pecorella: «Sostengo il diritto di difesa e sono garantista, per questo c’è chi non mi vuole al Csm»

Gaetano Pecorella è candidato come componente laico del Consiglio superiore della magistratura. L’elezione dei dieci consiglieri non togati è prevista il prossimo 13 dicembre, con il voto del Parlamento in seduta comune. L’avvocato Pecorella, past president dell’Unione Camere penali e già al vertice della commissione Giustizia di Montecitorio, ha un’idea precisa dei “requisiti” che sarebbe necessario assicurare al nuovo Csm, il cui insediamento è atteso per la fine dell’anno.

«Occorre aprire – dice al Dubbio – una nuova fase, partendo da una componente laica, non politicamente schierata, in grado di incidere sul sistema correntizio che ha sempre dominato il Consiglio superiore. In questo modo l’organo di autogoverno gioverebbe di più alla stessa magistratura e al rispetto dei diritti dei cittadini».

Presidente Pecorella, una parte della stampa già si è scatenata, esprimendo forti perplessità e critiche, quando ha letto il suo nome tra i candidati laici. Come si spiega una reazione del genere?

Probabilmente la mia candidatura al Csm non fa piacere ad alcuni settori della magistratura, dato che io per tutto il tempo della mia professione ho cercato sempre di sostenere i diritti della difesa e i valori legati al garantismo. Mi pare abbastanza ovvio che una parte della stampa, che da sempre esprime le posizioni di certa magistratura, trovi la mia candidatura scomoda. Proprio per questo ho avanzato la mia candidatura. Credo che il Csm debba essere il giudice dei giudici e debba avere una posizione tale da garantire il funzionamento della giustizia secondo i principi costituzionali e secondo la tutela dei diritti che hanno tutti i cittadini.

Il Csm nell’ultimo biennio ha subito critiche ed è stato delegittimato. Quale contributo intende dare nel caso di una sua elezione a palazzo dei Marescialli?

Io parto da questa considerazione: è molto importante un elemento introdotto dalla riforma del Csm. Mi riferisco al fatto che la scelta dei componenti laici debba essere ispirata alla trasparenza. Questo mi è sembrato il primo passo per depoliticizzare il Csm. Prima, la scelta dei componenti laici avveniva in base a dei patti politici e secondo gli schieramenti politici e non, invece, sulla base dei valori personali, dell’esperienza e della cultura giuridica del candidato. La trasparenza adesso la si deve intendere non più come una divisione per appartenenza di partito, ma come un elemento in grado di prendere in considerazione il valore personale dei candidati. È un primo passo verso la depoliticizzazione del Csm. Il passo successivo dovrebbe essere quello di evitare che anche i magistrati esprimano delle correnti, e che non ci sia un accordo tra parti politiche e parti della magistratura, a discapito dei meriti personali. Bisogna fare in modo che la presenza di una componente laica, che non sia espressione dei partiti, influisca anche sulla rottura del sistema delle correnti, comprese quelle politiche. Nel Csm dovrebbero esserci non delle maggioranze e delle minoranze, ma solo delle scelte sagge sia per quanto riguarda le nomine sia per quanto riguarda l’aspetto disciplinare, in base alla capacità tecnica di chi giudica. Non tralascerei neppure un altro aspetto.

A cosa si riferisce?

Le denunce disciplinari che gli avvocati fanno alcune volte sono assolutamente infondate, ma altre volte, invece, vengono trascurate e non hanno seguito. Il tentativo è quello di avere un Csm al di sopra delle parti, al di sopra della politica, al di sopra degli interessi di gruppi di magistrati. Il Csm deve essere davvero un giudice terzo ed imparziale.

di Natasha SHEHU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube