“Decollano i prezzi dei biglietti aerei in Sardegna”, segnalazione all’Antitrust

Economia & Finanza

Di

La denuncia di un gruppo di parlamentari, primo firmatario Silvio Lai (Pd): “costi alle stelle e grave carenza di voli nell’ultima settimana dell’anno per i collegamenti tra l’isola e le grandi città”.

© ZUMAPRESS.com / AGF
– L’interno di un aereo

 

Prezzi stellari e pochi voli in particolare sulla tratta Cagliari-Linate proprio nell’ultima settimana dell’anno: un gruppo di parlamentari ha inviato una segnalazione, primo firmatario Silvio Lai (Pd), all’Antitrust per chiedere l’apertura di un’inchiesta su quanto sta avvenendo nei collegamenti aerei tra le isole maggiori e gli aeroporti di Roma e Milano. A decollare, secondo quanto lamentano i parlamentari, sono i costi dei biglietti passati, in alcuni casi, da 50 a 500 euro. Nella segnalazione si evidenzia anche la “la grave carenza di voli”.

“Speculazione sui costi di collegamento”

“In questi giorni si assiste a una speculazione sui costi di collegamento che è evidente”, sottolinea Lai, a proposito delle tariffe proibitive praticate dei vettori. “Per alzare i prezzi dei biglietti aerei, anziché prevedere un numero adeguato di voli, come sempre necessario nei periodi delle ferie natalizie, si attende di riempire i voli ordinari a prezzi altissimi anche oltre i 500 euro per voli che potrebbero essere venduti a 50 euro, per poi inserire nuovi voli con grande ritardo rispetto agli annunci, e introdurre da subito i prezzi più  alti, anziché ordinari, nei nuovi voli”.

“L’autorità garante per la concorrenza, in presenza di gravi errori di programmazione effettuati dalle istituzioni competenti e in assenza di iniziative politiche adeguate del governo, è la risorsa ultima a tutela del mercato e dei cittadini sardi e siciliani in primis”, aggiunge Lai, “ma in generale di tutti i cittadini che abbiano affetti o scelgano di passare il Natale e il Capodanno nelle due isole.””Ant

“Antitrust intervenga immediatamente”

“I parlamentari sollecitano l’Autorità garante a intervenire “immediatamente con l’apertura di una procedura di verifica e controllo dei comportamenti applicati dalle compagnie per verificare se questi siano congrui, se differiscano da quanto effettuato negli anni precedenti in termini di programmazione del numero di voli disponibili e in quali tempi siano stati resi disponibili, e se i prezzi messi in campo all’apertura dei voli siano giustificati o meno”. Inoltre, i parlamentari chiedono di verificare “se le procedure di controllo da parte delle istituzioni preposte, in primis il ministero competente, abbiano svolto e stiano svolgendo il proprio ruolo”.

“Dalla giunta Solinas gestione inadeguata”

“In Sardegna in particolare si paga una inadeguata gestione della Giunta Solinas che promettendo la tariffa unica e cancellando il regime precedente che la garantiva per 8 mesi all’anno e con un tetto tariffario massimo di tre volte nei restanti 4 mesi, si è ridotto ad una gestione che è sotto gli occhi di tutti”, contesta Lai.

“Hanno esultato quando le compagnie hanno accettato per un anno gli oneri di servizio gratuito non considerando che in questo mondo mancavano gli strumenti di condizionamento e controllo dell’applicazione del contratto, “ma sono gli impegni che le compagnie stanno prendendo in questo momento a dimostrare che le istituzioni regionali sono evidentemente non sufficientemente autorevoli e ciò  che appare come un risultato è in realtà una concessione che grava i suoi costi sui cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube