Il Qatar punta a diventare il primo fornitore di gas per l’Europa

Economia & Finanza

Di

Il Paese si sta avvicinando alla Cina, minando le speranze russe di dirottare verso l’Asia la maggior parte dell’energia che il vecchio Continente non acquista più. La capacità di produzione crescerà di oltre il 60%, raggiungendo i 126 milioni di tonnellate all’anno nel corso del decennio

di Ilaria Conti

Impianto gas naturale

 

AGI – Il Qatar punta a diventare un grande fornitore di energia per l’Europa e non solo: la guerra della Russia in Ucraina ha scosso i mercati energetici globali, lasciando l’Ue a corto di gas naturale, aumentando i prezzi di tutti i combustibili fossili e minacciando una recessione globale. Ed ecco che entra in gioco il Qatar: secondo molti esperti di energia, come rileva il New York Times, il Qatar sta diventando l’Arabia Saudita del gas, un fornitore di energia indispensabile con vaste riserve e costi molto bassi.

Export verso Asia ed Europa

Da tempo grande esportatore di gas naturale liquefatto verso i Paesi asiatici, il Qatar è pronto a diventare una fonte energetica fondamentale per l’Europa, che sta abbandonando la sua dipendenza dalla Russia. Il Qatar si sta anche avvicinando alla Cina, minando le speranze russe di dirottare verso l’Asia la maggior parte dell’energia che l’Europa non acquista più. Il Paese sarà in grado di vendere il gas naturale più a lungo e in modo più redditizio di altri grandi esportatori come l’Australia e la Russia, anche se il cambiamento climatico costringe molti Paesi a ridurre l’uso di combustibili fossili.

Esportazioni raddoppiate

L’anno scorso il Paese ha avviato la costruzione di quattro nuovi giganteschi terminali di produzione ed esportazione, investimenti che aumenteranno la sua capacità di esportazione di oltre un terzo entro il 2026. I funzionari hanno annunciato l’intenzione di costruire altri due terminali nel corso del decennio. Complessivamente, la capacità del Paese di produrre gas naturale liquido crescerà di oltre il 60%, raggiungendo i 126 milioni di tonnellate all’anno nel corso del decennio.

Le esportazioni energetiche del Paese, di cui il gas naturale è di gran lunga il più importante, sono raddoppiate quest’estate rispetto all’anno scorso, raggiungendo i 9,2 miliardi di dollari in agosto. Il Qatar è in procinto di battere il suo record di entrate annuali da esportazioni, stabilito nel 2013 prima che il boom delle esportazioni di gas dagli Stati Uniti facesse scendere i prezzi del gas.

L’accordo di 15 anni con la Germania

Oltre a gestire il suo grande giacimento nazionale di gas offshore, la Qatar Energy, la società statale, si sta espandendo in tutto il mondo con investimenti in Brasile, Suriname, Angola, Sudafrica e altrove. Ha negoziato un accordo di 15 anni per la fornitura di gas alla Germania. Il Paese fornirà due milioni di tonnellate di gas all’anno, dando alla Germania una misura di sicurezza energetica. Tuttavia, il gas del Qatar rappresenta una piccola frazione di quello fornito dalla Russia alla Germania e non inizierà ad arrivare prima del 2026.

L’espansione del progetto North Field East (Nfe)

A giugno scorso Eni è stata selezionata da QatarEnergy come nuovo partner internazionale per l’espansione del progetto North Field East. È stato firmato il 19 giugno l’accordo di partnership per la creazione della nuova joint venture. QatarEnergy deterrà una quota del 75% e Eni il restante 25%. La Joint Venture a sua volta deterrà il 12,5% dell’intero progetto Nfe, di cui fanno parte 4 mega treni Gnl con una capacità combinata di liquefazione pari a 32 milioni di tonnellate/anno (Mtpa).

Il progetto Nfe consentirà di aumentare la capacità di esportazione di Gnl del Qatar dagli attuali 77 Mtpa a 110 Mtpa. Con un investimento di 28,75 miliardi di dollari, Nfe dovrebbe entrare in produzione entro la fine del 2025 e impiegherà tecnologie e processi all’avanguardia per minimizzare l’impronta carbonica complessiva, tra cui la cattura e lo stoccaggio della CO2. L’accordo, segna il completamento di un processo competitivo iniziato nel 2019, ha una durata di 27 anni.

QatarEnergy il 12 giugno ha firmato un accordo di collaborazione con la francese TotalEnergies per l’espansione di North Field.

L’accordo con la Cina, il più lungo al mondo

Il Qatar ha recentemente firmato un contratto di fornitura di gas naturale alla Cina per 27 anni, il più lungo mai registrato. QatarEnergy invierà quattro milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto all’anno dal suo nuovo progetto North Field East alla China Petroleum and Chemical Corporation (Sinopec). Il Paese fornisce già alla Cina un quarto del suo gas. Insieme ad altri accordi minori, il nuovo contratto permetterà alla Cina di ridurre notevolmente la sua dipendenza dalla Russia. (AGI)Ila

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube