La moglie di Antonio Panzeri sarà consegnata al Belgio

Attualità & Cronaca

Di

I giudici della Corte d’Appello di Brescia hanno accolto la richiesta. Maria Dolores Colleoni, consorte dell’ex eurodeputato, finita ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta ‘Qatargate’ che ha travolto il marito, nega di essere stata a conoscenza dei suoi affari

di Manuela D’Alessandro

AGI – Maria Dolores Colleoni, arrestata come il marito Antonio Panzeri nell’inchiesta Qatargate, finirà presto in un carcere belga a meno che i suoi legali non presentino e vincano un ricorso in Cassazione. Lo hanno deciso i giudici della Corte d’Appello di Brescia accogliendo la richiesta del magistrato Michel Claise e della Procura Generale dopo oltre cinque ore di camera di consiglio. ‘Consegna’, appunto, e non tecnicamente estradizione, una procedura più semplice e veloce perché avviene tra Paesi dell’Unione Europea. Colleoni, andrà in carcere all’inizio ma poi potà chiedere i domiciliari e verosimilmente dovrebbe averli.

Seduta nella gabbia riservata agli imputati, la donna di 67 anni, ora ai domiciliari nella sua casa di Calusco d’Adda, in provincia di Bergamo, ha provato a convincere la Corte di essere estranea alle accuse. La sua difesa: “Non conoscevo gli affari di mio marito, non ho mai fatto viaggi da 100 mila euro e nemmeno ricevuto regali dall’ambasciatore marocchino”.

Respinti anche gli argomenti dei legali che avevano sostenuto la violazione della Convenzione dei diritti dell’uomo perché Colleoni sarebbe finita dai domiciliari al carcere aggravando così il suo status senza avere violato le prescrizioni a cui è adesso sottoposta. “Inoltre se dovesse esserci la necessità di interrogarla si potrebbe farlo con un interrogatorio da remoto” avevano insistito gli avvocati Angelo De Riso e Nicola Colli.

Niente da fare. I giudici hanno letto un lungo e articolato provvedimento per lo più in diritto ribattendo punto per punto alle obiezioni della difesa che affrontava comunque una prova difficile perché nei casi di mandato di arresto europeo è difficile che la richiesta sia rifiutata bastando un generico ‘fumus’ accusatorio.

Gli inquirenti belgi la ritengono, assieme alla figlia Silvia, sulla cui consegna i giudici bresciani si pronunceranno domani, “pienamente consapevoli delle attività del marito/padre e persino partecipi nel trasporto dei regali dati dall’ambasciatore marocchino in Polonia”.
Se non ci sarà ricorso – la difesa ha cinque giorni di tempo per andare in Cassazion -, Colleoni prenderà nei prossimi giorni la via del Belgio. I magistrati hanno stabilito che un’eventuale condanna la sconterebbe comunque in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube