Con i regali last minute la spesa di Natale sale a 7,4 miliardi

Economia & Finanza

Di

Secondo un’indagine di Coldiretti e Ixè il budget minimo è di 100 euro, ma il 15% degli italiani si è spinto oltre i 300 euro. Tra i doni più gettonati, tecnologia, abbigliamento, libri, prodotti di bellezza e l’enogastronomia
Scartare regali Natale

AGI – Con la corsa allo shopping last minute sale a 7,4 miliardi la spesa degli italiani per i regali di Natale 2022. È quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè dalla quale si evidenzia che c’è comunque un 16% di cittadini che quest’anno non ha fatto doni. I luoghi privilegiati dello shopping dell’ultim’ora sono quasi esclusivamente centri commerciali, negozi e mercatini – rileva Coldiretti – soprattutto per chi è a caccia di doni originali, mentre il canale on line sconta i dubbi sul fatto che quanto acquistato possa arrivare in tempo per Natale.
Una maggioranza del 42% ha contenuto il budget sotto la soglia dei 100 euro, mentre il 30% fino a 200 euro – sottolinea Coldiretti – e un altro 15% si è spinto a 300 euro.

Ma c’è anche un 8% che ha deciso di spendere tra 300 e 500 euro, un 2% fino a 1.000 e una ristrettissima minoranza dell’1% che ha superato i 2.000 euro.

Si conferma anche – precisa la Coldiretti – una spinta verso regali utili e all’interno della famiglia: tra i parenti e gli amici si preferisce scegliere oggetti o servizi a cui non è stato possibile accedere durante l’anno.

Tra i regali più gettonati, tecnologia, abbigliamento, libri, prodotti di bellezza e l’enogastronomia anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola. A livello generale è da segnalare – afferma la Coldiretti – la preferenza accordata all’acquisto di prodotti Made in Italy anche per aiutare l’economia nazionale e garantire maggiori opportunità di lavoro a sostegno della ripresa.

Con il boom dei regali utili in ben quattro case su dieci (39%) trovano spazio sotto l’albero i cesti enogastronomici. Accanto ai tradizionali luoghi di acquisto, un successo – continua la Coldiretti – viene registrato per i mercatini che si moltiplicano nelle città e nei luoghi di villeggiatura.

Una opzione che garantisce spesso la possibilità di trovare regali ad “originalità garantita” al giusto prezzo. Un orientamento che – conclude la Coldiretti – riguarda anche l’alimentazione con la ricerca di prodotti del territorio a chilometri zero da acquistare direttamente dal produttore nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube