La sfida di Musk agli ayatollah: Starlink per portare Internet ai manifestanti in Iran

Mondo

Di

Il nuovo sistema potrebbe aiutare le persone ad aggirare le restrizioni imposte dal regime alla rete internet e alle piattaforme social
© Yasuyoshi CHIBA / AFP
– Un antenna per la ricezione del segnale di Starlink

 

AGI – Il fondatore di SpaceX, Elon Musk, ha annunciato su Twitter che la sua azienda sta per attivare cento satelliti Starlink per consentire l’accesso alla Rete in Iran. L’obiettivo è fornire una maggiore copertura Internet in un Paese in cui le proteste, in corso da tre mesi, vengono soppresse dal regime di Teheran.

“Stiamo per attivare cento satelliti Starlink”, ha twittato Musk, a commento di un post che mostrava immagini di giovani mentre camminavano per le strade di una città in Iran.

Il miliardario aveva annunciato già a settembre l’imminente attivazione dei satelliti come parte di un tentativo, sostenuto dagli Stati Uniti, di “far avanzare la libertà di Internet e il libero flusso di informazioni” agli iraniani.

Il nuovo sistema potrebbe aiutare le persone ad aggirare le restrizioni imposte dal regime alla rete internet e alle piattaforme social.

Le proteste contro il governo di Teheran sono scoppiate a settembre dopo la morte di Mahsa Amini, una ragazza di 22 anni che era stata arrestata dalla polizia religiosa per non aver indossato il velo, così come imposto da una legge degli anni ’80.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube