Gli Usa valutano restrizioni per chi arriva dalla Cina

Mondo

Di

Washington teme che il brusco alleggerimento delle misure anti-Covid possa portare alla diffusione di nuove varianti
Aeroporto controlli Cina

 

AGI – Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di imporre restrizioni all’ingresso dei viaggiatori provenienti dalla Cina, dove le autorità hanno bruscamente alleggerito le misure per combattere il Covid-19. Lo hanno dichiarato funzionari statunitensi citati dai media americani.

Gli Stati Uniti stanno “seguendo la scienza e i consigli degli esperti di salute pubblica, consultandosi con i partner e prendendo in considerazione misure simili…
Per proteggere il popolo americano”, hanno detto i funzionari citando le preoccupazioni espresse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e le misure adottate da Giappone, India e Malesia.

Le infezioni si sono moltiplicate in tutta la Cina a causa dello smantellamento dei pilastri fondamentali della politica di contenimento, spingendo i funzionari statunitensi a esprimere apprensione per la possibilità di diffusione di nuove varianti.

La svolta del Dragone

Questo potenziale è diventato ancora più concreto lunedì, quando Pechino ha dichiarato che avrebbe eliminato la quarantena obbligatoria di Covid per gli arrivi all’estero a partire dall’8 gennaio, spingendo molti cinesi ad affrettarsi a pianificare viaggi all’estero. “La comunita’ internazionale è sempre più preoccupata per le ondate di Covid-19 in corso in Cina e per la mancanza di dati trasparenti, compresi quelli relativi alle sequenze genomiche virali, che vengono comunicati dalla Repubblica Popolare Cinese”, hanno dichiarato i funzionari.

Le autorità di Pechino hanno riconosciuto che l’epidemia è “impossibile” da monitorare e hanno eliminato il tanto criticato conteggio dei casi, oltre a restringere i criteri con cui vengono conteggiati i decessi per Covid. Ma è la mancanza di dati genomici che ha suscitato particolare preoccupazione all’estero, rendendo “sempre più difficile per i funzionari della sanità pubblica garantire che saranno in grado di identificare qualsiasi potenziale nuova variante e di adottare misure tempestive per ridurre la diffusione”, sottolineano da Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube