A Firenze torna Pitti Uomo, con tante novità

Economia & Finanza

Di

Con 789 brand in totale, l’edizione numero 103  porterà con sè la voglia di muoversi, scoprire e sperimentare, in una dimensione crossover sempre più internazionale

di Vincenzo Marsala

© Aleandro Biagianti / AGF – Pitti uomo

 

AGI – Con 789 brand in totale (311 provengono dall’estero, pari al 40% del totale), torna Pitti Uomo: l’edizione numero 103 che si svolge come di consueto alla Fortezza da Basso da martedì 10 a venerdì 13 gennaio. E sarà un’edizione ricca di novità che porterà con sè la voglia di muoversi, scoprire e sperimentare, in una dimensione crossover sempre più internazionale all’insegna di Pittiway, tema del salone invernale di Pitti Immagine. Quattro giorni durante i quali la manifestazione di riferimento per la moda maschile e il lifestyle ospiterà i protagonisti del menswear internazionale, i brand di riferimento e i progetti più innovativi, con un programma di anteprime, eventi e appuntamenti da non perdere. Anche a questa edizione l’attenzione si è concentrata sul percorso espositivo in Fortezza, che mostrerà una preview completa delle nuove collezioni uomo. E non solo. Pitti Uomo spinge infatti in avanti la sua proposta e amplia il suo percorso, con progetti speciali che intercettano i nuovi desideri del lifestyle oggi.

Va in questa direzione il ritorno di “I go out”, la sezione dedicata al mondo dell’abbigliamento outdoor di ricerca. Si confermano e arricchiscono di protagonisti le sezioni Fantastic Classic, Futuro Maschile, Dynamic Attitude, Superstyling, e l’area S|Style focalizzata sulla moda eco-responsabile, alle quali si aggiungono due novità assolute: le aree speciali “The Sign” e PittiPets”, che ampliano i confini della manifestazione arricchendola di contenuti. Pitti Uomo si conferma così un salone capace di creare connessioni sempre nuove tra mondi diversi, ma non distanti: un crossover di moda e lifestyle, che offrirà alla community di riferimento un ventaglio sempre più ampio e attuale di contenuti e proposte.

All’appuntamento fiorentino ci saranno i buyer dei più importanti dei department store internazionali, gli shop e le boutique di ricerca, i retailer online, che hanno confermato la loro presenza. Pittyway è tuttavia il nuovo tema dei saloni invernali di Pitti Immagine. Ripartire è il desiderio di tutti, ma decidere la direzione, orientarsi, fare delle scelte non è semplice. Indicazioni, stimoli, sollecitazioni ed esigenze non sempre convergono, e il procedere non può essere lineare. Pittiway, tema dei prossimi saloni invernali di Pitti Immagine, è il risultato del lavoro congiunto di creativi e artisti, coordinati dal creative director Angelo Figus.

Pittway interpreta il mood e le aspirazioni di oggi, trasformandoli nel filo conduttore delle campagne pubblicitarie e degli allestimenti in Fortezza da Basso. Un risultato cromatico e dinamico, pop e street insieme, che nella campagna ideata per Pitti Uomo 103 si condensa nel video firmato dal regista Leonardo Corallini e interpretato dal danzatore Giampaolo Gobbi. “Pittiway sottolinea le tante scelte che siamo portati a valutare per uscire dal complicato ingorgo globale – dice Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine- In questo momento non facile, ma anche creativo, innovativo, diverso, i saloni Pitti Immagine saranno una bussola per definire nuove direzioni, ipotizzare percorsi, considerare delle scelte per poi ripartire. In Fortezza ci saranno linee, frecce, curve, inversioni su cui surfare per andare veloci. Una segnaletica a volte contraddittoria che dimostra un’inesauribile energia: la stessa che porta verso nuove direzioni, ancora tutte possibili, del futuro”. Novità importanti disegnano un nuovo e sfaccettato percorso espositivo all’interno della Fortezza da Basso.

Si amplia il numero delle sezioni ma soprattutto lo sguardo si allarga a nuove categorie merceologiche scelte sulla base di precise tendenze di mercato. Il Governo italiano e ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, promuovono il ruolo di Firenze nella strategia di internazionalizzazione della moda italiana attraverso il sostegno ai saloni invernali 2023 di Pitti Immagine, un contributo fondamentale per il programma di incoming dei migliori operatori esteri, di comunicazione e di eventi speciali. Inoltre, in occasione di Pitti Uomo, Agenzia ICE presenta la sesta edizione di young italian start up around the world, un progetto finalizzato a valorizzare start up del Made in Italy fra le più promettenti, realizzato in collaborazione con Pitti Immagine Tutoring & Consulting e allestito nel Padiglione Centrale della Fortezza da Basso.

Nuovo appuntamento con la collaborazione triennale di Pitti Immagine con UniCredit, Gruppo bancario paneuropeo determinato a mantenere forte il radicamento sui territori e un rapporto a tutto campo con le comunità nelle quali opera, sostenendole su molteplici fronti. Il focus della collaborazione si concretizza a Pitti Uomo 103 con il sostegno al progetto S Style, piattaforma per i brand del menswear responsabile, e con il programma di appuntamenti dell’UniCredit Theatre, l’arena dentro la Fortezza da Basso dove nei giorni del salone vengono presentati talk e conversazioni dedicate a sostenibilità, innovazione, tra moda, economia, retail e lifestyle.

“Il supporto della banca a Pitti Immagine – sottolinea Renato Miraglia, responsabile Wealth Management & Private Banking Italy UniCredit – è un’ulteriore conferma della determinazione di UniCredit nell’accompagnare lo sviluppo dei territori. Lo facciamo, infatti, su più fronti, attraverso l’impegno quotidiano delle nostre persone e del nostro network, dando anche sostegno a iniziative speciali e di rilievo per le comunità e il tessuto produttivo. Il nostro principale obiettivo è dare tempestivamente risposta alle loro esigenze. Per questo, ad esempio, a settembre abbiamo lanciato UniCredit per l’Italia, programma operativo con il quale mettiamo a disposizione anche un plafond di 5miliardi per sostenere le aziende e i cittadini alle prese con l’aumento di costi energetici e materie prime e con il rallentamento economico globale. è con queste iniziative che UniCredit rafforza il proprio ruolo di partner per lo sviluppo sostenibile del Paese”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube