Messina.Master in giornalismo scientifico

Scuola, Formazione & Università

Di

MESSINA – Master in giornalismo scientifico: Prof Magazù, decano Fisica Ateneo Messina, “oggi è fondamentale saper comunicare la Scienza ed evitare fake news”. Unico Corso di Alta Formazione di questo tipo nel Sud Italia.

“Negli ultimi anni molti fattori hanno contribuito ad accrescere la consapevolezza di quanto sia importante comunicare la scienza. I media hanno scoperto che anche la ricerca attira l’attenzione del grande pubblico. Il giornalismo scientifico ha quindi acquisito sempre più interesse, specie per i molteplici argomenti diventati d’attualità, dalla pandemia al bosone di Higgs, che necessitano di un approfondimento maggiore e di una cultura scientifica. Proprio per questo abbiamo deciso di realizzare questo workshop, che sarà propedeutico alla possibile creazione di un Corso di alta formazione e in seguito di un master in giornalismo scientifico, che sarà il primo in tutto il Sud Italia”. A dirlo il prof Salvatore Magazù decano di Fisica al Mift dell’Ateneo  di Messina, che ha organizzato oggi insieme alla società Byto del giornalista e portavoce parlamentare Antonio Ivan Bellantoni e al giornalista Gianluca Rossellini un workshop di eccellenza dal titolo “Giornalismo Scientifico ai giorni nostri”, che ha visto la partecipazione di importanti relatori, tra cui Marco Frittella, direttore Editoriale Rai Libri e già conduttore Tg1 e “Unomattina”; Barbara Carfagna, Conduttrice Tg1 e Autrice-Conduttrice della trasmissione “Codice: la vita è digitale” su Rai Uno; Romolo Sticchi, Inviato Speciale Tg3 e curatore del format “Pixel” su Rai Tre. “Un aspetto molto positivo – prosegue Magazù – è che la domanda d’informazione scientifica cresce. Le notizie scientifiche coprono sempre più spazi nei giornali, nelle emittenti televisive, radiofoniche o nel web.

La società chiede maggiore informazione. Le comunità scientifiche chiedono a loro volta di poter comunicare con i tanti enti pubblici che compartecipano a un numero crescente di scelte rilevanti per lo sviluppo della ricerca e della società della conoscenza. Aumentano anche le scuole di giornalismo scientifico e, di conseguenza, il numero di professionisti molto ben preparati in comunicazione della scienza. Bisogna soprattutto analizzare con più rigore i temi affrontati in Fisica e nelle altre scienze cosiddette ‘dure’ (hard science), ma allo stesso tempo diffondere notizie con termini semplici e chiari per la maggior parte delle persone”.

Frittella, Carfagna e Sticchi che sono stati premiati per il loro impegno professionale, si sono detti entusiasti per la creazione del Corso di Alta Formazione, ribadendo l’esigenza di un giornalismo competente, attento alle nuove tecnologie e che segua un metodo ‘scientifico’ nell’analisi e nella scelta delle notizie. Molto interessanti anche gli interventi di Carmelo Picciotto Presidente Confcommercio Messina, Giuseppe Ruggeri medico e giornalista, Giovanni Pioggia Responsabile Irib-Cnr di Messina, Dimitri Salonia Artista e Divulgatore Scientifico, Mariateresa Caccamo Ricercatrice Mift e dei giornalisti Gianluca Rossellini e Antonio Ivan Bellantoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube