Violenza donne: dall’inizio dell’anno già due femminicidi

Attualità & Cronaca

Di

Le vittime sono Giulia Donato, ventitreenne di Genova, uccisa il 4 gennaio a Genova dal fidanzato che si è poi tolto la vita; e Martina Scialdone, avvocato di 35 anni, uccisa ieri sera a Roma dall’ex compagno

AGI – Ancora violenza sulle donne, con due femminicidi avvenuti in questi primi 14 giorni del 2023. Mercoledì 4 gennaio la vittima è Giulia Donato, 23enne di Genova.

Si tratta di un omicidio-suicidio, scoperto in un appartamento nel quartiere genovese di Pontedecimo: una guardia giurata di 32 anni, Andrea Incorvaia, ha sparato con la pistola di ordinanza alla fidanzata Giulia, e poi si è tolto la vita. La giovane frequentava l’uomo da circa un anno: un rapporto contraddistinto però dalla forte gelosia di lui, che, secondo quanto riferito dalle amiche, la ragazza probabilmente aveva deciso di troncare.

E la mancata accettazione della fine di una storia sarebbe la causa del femminicidio avvenuto ieri sera a Roma, fuori da un ristorante al quartiere Tuscolano: la vittima è Martina Scialdone, avvocato di 35, uccisa a colpi di pistola dall’ex compagno, il 61enne Costantino Bonaiuti, il quale stava tentato in tutti i modi una riappacificazione.

Dopo essere fuggito via, l’uomo è stato arrestato in zona Colle Salario/Fidene dalla Polizia.

Una piaga, quella della violenza sulle donne, che non accenna a fermarsi. Nel 2022 (da inizio anno al 28 dicembre) – in base ai dati resi noti dalla Direzione centrale della polizia criminale – in Italia sono stati commessi 309 omicidi, con 122 vittime donne, di cui 100 uccise in ambito familiare/affettivo: di queste, 59 hanno trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner.

Rispetto allo stesso periodo del 2021, è aumentato del 3% sia il numero complessivo degli omicidi (299 nel 2021) sia il numero delle vittime donne (118). Una diminuzione si è rilevata, invece, per i delitti commessi in ambito familiare/affettivo, che da 146 sono scesi a 137 (-6%) e per il relativo numero delle vittime donne, che è passato da 102 a 100 (-2%).

Rispetto allo stesso periodo del 2021 è risultato in flessione sia il numero di omicidi commessi dal partner o dall’ex partner, che da 77 sono scesi a 65 (-16%), sia le relative vittime donne, da 69 a 59 (-14%).

Per quanto riguarda i cosiddetti ‘reati spia della violenza di genere, confrontando i primi dieci mesi del 2022 con quelli del 2021, si assiste a una diminuzione del 10,3% degli atti persecutori o stalking e del 3,9% dei maltrattamenti in famiglia, mentre si rileva un aumento del 15,7% delle violenze sessuali.

Sulla violenza sulle donne, dal primo gennaio 2023, ha preso il via un nuovo strumento per conoscere e, quindi, contrastare il fenomeno: il ministero della Giustizia ha infatti annunciato l’avvio della rilevazione i dati relativi ai procedimenti giudiziari sulla violenza di genere, con l’obiettivo di realizzare costanti analisi statistiche, da pubblicare periodicamente per far emergere caratteristiche ed evoluzioni delle condotte criminali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube