L’elezione di Giuffré chiude la partita del Csm

Politica

Di

Eletti tutti e dieci i membri laici dell’organo di autogoverno della magistratura
© Pierpaolo Scavuzzo/AGF – La sede del Csm

AGI – Il Parlamento in seduta comune ha eletto Felice Giuffré decimo e ultimo componente laico del Csm. Le preferenze ottenute sono 420. A proclamare il risultato il presidente della Camera Lorenzo Fontana.
Con l’elezione di Giuffré, professore ordinario di istituzioni di diritto pubblico nell’ateneo di Catania, tutti e 10 i componenti laici del Csm sono stati proclamati e si completa così il plenum dell’organo di autogoverno della magistratura.

I primi 9 componenti laici sono stati eletti martedì scorso, 17 gennaio: Isabella Bertolini, Daniela Bianchini e Rosanna Natoli in quota FdI (come Giuffré); Claudia Eccher e Fabio Pinelli in quota Lega; Enrico Aimi in quota Forza Italia; Roberto Romboli in quota Pd (risultato il piu’ votato); Ernesto Carbone in quota Terzo polo; Michele Papa in quota M5s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube