Investimenti e risparmio: intervista al dott.Francesco Covino

Economia & Finanza

Di

Intervista del Co-direttore Daniela Piesco 

Le spese per consumi e investimenti sono le componenti che formano la domanda aggregata. Esse dipendono, rispettivamente, dalle decisioni dei diversi operatori del sistema economico.

Le famiglie ottengono un reddito che viene utilizzato in parte per l’acquisto di beni e servizi necessari al soddisfacimento dei bisogni e in parte accantonata a scopo prudenziale per esser usata in futuro. Quest’ultima parte, che costituisce il risparmio, può essere destinata all’acquisizione di: attività finanziarie, se serve al finanziamento diretto della produzione (acquisto di azioni/obbligazioni in Borsa), oppure viene depositato in banca. Attività Reali, se serve all’acquisto di beni durevoli, come case, e via elencando.

Ma prima di investire è sempre opportuno porsi alcune domande. Di seguito si riportano alcuni interrogativi posti al dott Francesco Covino consulente finanziario, con esperienze pregressa nel settore finanziario e laurea in abito economico bancario. Si occupa di assistere gli individui nel compiere le scelte migliori in ambito bancario, finanziario e previdenziale.

La lista non è ovviamente esaustiva e la tipologia delle domande a cui dobbiamo rispondere dipende in particolare dalle conoscenze e dalle esperienze che abbiamo sui mercati, e dalla nostra tolleranza al rischio.

L’ intervista

Qual è il prodotto migliore per investire i miei risparmi?

Non esiste il prodotto migliore, ma esiste lo strumento ad hoc adatto alle proprie esigenze, ovvero a seconda degli obiettivi, viene creato ad hoc un portafoglio di strumenti, che permette il raggiungimento dell’obiettivo nel minor tempo possibile.

Perché scegliere un fondo comune d’investimento?

Il fondo comune di investimento, è una soluzione che permette all’investitore attento, di non sottoporsi a differenti rischi. Partendo ad esempio dal rischio geografico, valutario o anche settoriale. In parole povere, rende possibile una diversificazione tale da poter permettere anche a chi non possiede un ingente somma di denaro di creare il giusto investimento attento al rischio.

Quando è il momento giusto per uscire dai fondi di investimento?

Non esiste il momento giusto per uscire,ma esiste il raggiungimento dell’obiettivo delle investimento. Per investire nel modo migliore è necessario ragionare per obiettivi, porsi degli obiettivi ed affidarsi ad consulente che utilizzerà un’ attenta  strategia. A seconda delle necessità verrà attuata una pianificazione progressiva.Se la necessità è lo sviluppo del capitale, si disinveste al raggiungimento del montante prestabilito.

Come posso scegliere l’importo adeguato da investire in un fondo comune?

La scelta è influenza dalla nostra capacita economica. Mi spiego meglio, partendo da presupposto che tutti possono investire, ma con consapevolezza. Bisogna fissare qualche punto, anzitutto:la somma di denaro dev’esser inutilizzata,ovvero, non ho bisogno di xx per tot anni.

Perché investire in oro?

L’oro è il bene rifugio per eccellenza utilizzato fin dagli albori per creare garanzia. Molto spesso lo utilizzo nei portafogli dei miei clienti, in modo da creare un attenta diversificazione. L’aspetto da tenere sempre in mente è la giusta scelta della quota di oro o di materiali preziosi nel portafoglio d’investimento da inserire all’interno di un portafoglio. Ma bisogna stare attenti all’oro, poiché negli ultimi è stato anche esso sottoposto a rally di rialzo e ribasso.

Da cosa dipende il rendimento di un fondo d’investimento?

Il rendimento dipende dall’andamento dei mercati finanziari e dei titoli che ne compongono il portafoglio. Ogni singolo titolo influenza il rendimento a seconda della quota di partecipazione che si detiene.

Che cos’è un fondo etico di investimento?

I fondi etici di etica sgr, sono fondi sostenibili e responsabili, hanno come obiettivo creare rendimento in un’ottica di medio lungo termine, puntando alla sostenibilità, e puntando a caratteristiche ambientali e sociali. I fondi adottano pratiche virtuose secondo esg(che sta a significare: ambiente, sociale e buon governo) molto semplicemente, il loro obiettivo è garantire uno sviluppo che sia sostenibile,ma che rispetti anche il tema sociale ed ambientale.

Cosa sono i PIR?

Piano individuali del risparmio che permettono l’investimento nelle imprese italiane, il cui obiettivo è quello di investire in società italiane affinché si sviluppi il mercato Italiano.

Che cos’è una polizza di investimento finanziaria?

Sono polizze assicurative di investimento o anche dette contratti di capitalizzazione il cui obiettivo è l’accrescimento del capitale, permettendo di far accrescere il loro capitale nel lungo termine. Va da sé che ogni polizza è legata alle necessità dell’individuo.

Che cos’è il TAEG?

Con la sigla taeg si allude, al tasso annuo effettivo globale, ed è il tasso a cui si deve far riferimento nel caso di prestito. Indica il costo complessivo del prestito erogato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube