Per mantenere al fresco il picnic? Funghi al posto del ghiaccio secco

Economia & Finanza

Di

I ricercatori dell’Università Johns Hopkins hanno documentato una straordinaria capacità di raffreddamento nei lieviti, nelle muffe e nei funghi e costruito, per divertimento, un piccolo frigo alimentato da questi organismi

Gita e picnic

AGI – Meglio i funghi del ghiaccio per tenere al fresco gli alimenti. Lo hanno verificato i ricercatori  dell’Università Johns Hopkins che hanno documentato una straordinaria capacità di raffreddamento nei lieviti, nelle muffe e nei funghi. Infatti, il team di ricerca  ha scoperto che i funghi e altri lieviti e muffe, rimangono più freschi rispetto all’ambiente circostante e ha anche spiegato come mai rimangono così freschi: perché contengono molta acqua, basta pensare a come i funghi si restringono quando cucinati, e la rilasciano gradualmente in una forma fungina di sudorazione che abbassa la loro temperatura, dicono i microbiologi sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

Principalmente per divertimento, il team ha persino costruito un frigorifero da picnic alimentato dai funghi. Durante le passeggiate nei boschi durante la pandemia di Covid-19, il microbiologo dell’Università Johns Hopkins Radamés Cordero stava provando la nuova telecamera termica del suo laboratorio, che registra l’infrarosso, ovvero il calore, come immagini. Lui e il suo collega Arturo Casadevall avevano pianificato di usare la telecamera per vedere come i pigmenti scuri di alcuni funghi influenzano la temperatura superficiale.

Durante le sue escursioni, Cordero ha immaginato circa 20 tipi di funghi selvatici e tutti, indipendentemente dal colore, erano più freschi dell’ambiente circostante. Successivamente, in laboratorio, i ricercatori hanno scoperto che alcune specie, come l’amanita stellata americana marrone, erano solo di 1°C o 2°C più fresche dell’ambiente circostante, ma il fungo Pleurotus ostreatus era quasi 6°C più fresco.

Inoltre, 19 tipi di muffe e lieviti, tra cui il lievito da birra, la muffa che produce la penicillina e alcuni patogeni umani, erano anche freschi, soprattutto vicino al centro delle loro colonie. Anche a temperature dell’aria vicine allo zero, le colonie erano circa 1°C più fredde.

Le temperature dei funghi monocellulari sono state una sorpresa, poiché rispetto ai funghi hanno molta meno area superficiale per volume, anche quando raggruppati in colonie, per la perdita di calore. Ma il lavoro suggerisce che “questo fenomeno è una caratteristica diffusa del regno fungino”, afferma Cordero.

Nell’esperimento, Cordero e Casadevall hanno inserito due fori per l’aria in una piccola scatola da imballaggio in polistirolo contenente meno di mezzo chilogrammo di funghi champignon, hanno installato una ventola di scarico del computer in un foro per far passare l’aria attraverso di essa e hanno inserito la scatola in un contenitore di polistirolo più grande.

Con la ventola accesa, la temperatura del contenitore più grande è scesa di 10°C in 40 minuti ed è rimasta lì per mezz’ora. “Non congelerai l’acqua”, attraverso il raffreddamento dei funghi, dice Casadevall. Ma il prototipo potrebbe facilmente mantenere una confezione da sei e il pranzo refrigerati per un picnic veloce, dice, “e dopo puoi mangiare i funghi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube