La misteriosa morte dell’uomo nudo e drogato che ha cercato di entrare a Sky

Attualità & Cronaca

Di

Secondo i primi esami, era sotto l’effetto di cocaina e cannabis e i testimoni hanno riferito che vagava dicendo frasi sconnesse. Indagati per omicidio colposo due vigilantes

AGI – È un giallo la morte di Giovanni Sala, il 34enne morto la notte di domenica all’ospedale San Raffaele dopo essere stato bloccato da due vigilantes fuori la sede di Sky Italia al quartiere Santa Giulia di Milano.

L’uomo era in uno stato di forte alterazione e vagava a torso nudo quando ha provato a entrare negli uffici. Due addetti alla vigilanza di 46 e 64 anni lo hanno immobilizzato e poco dopo si è sentito male. I vigilantes hanno chiamato il 112 e cercato di rianimare la Sala che è stato poi trasportato in codice rosso dal personale del 118.

Il pm di turno Alessandro Gobbis ha iscritto con l’ipotesi di reato di omicidio colposo i due uomini della sicurezza per poter procedere all’autopsia. Gli investigatori hanno acquisito i filmati delle telecamere di sicurezza di Sky.

Gli accertamenti disposti dal pm Alessandro Gobbis, titolare dell’inchiesta della Squadra mobile, dovranno stabilire la causa della morte e capire un’eventuale correlazione con l’intervento del vigilante di 46 anni che ha immobilizzato a terra Sala premendogli un ginocchio sulla schiena.

Inoltre, gli investigatori della Mobile sono al lavoro per ricostruire anche i momenti precedenti per capire in cosa sia consistito il comportamento di Sala. Dalle prime dichiarazioni dei vigilantes, il 34enne avrebbe vagato in via Fratelli Russolo a torso nudo e pronunciando frasi sconclusionate e tentato di entrare nell’edificio di Sky. Da qui il loro intervento prima della chiamata al 112 quando Sala ha perso conoscenza mentre era bloccato.

Foto © Flavio Lo Scalzo / Agf  – La sede di Sky a Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube