Segni inquietanti

Interviste & Opinioni

Di

Un periodo strano in un Paese strano…Ce n’è per tutti i gusti.

A Firenze per esempio è stato coperto dai cassonetti un tabernacolo della  prima metà del XVII sec. voluto da Baccio Bandinelli e dipinto da Matteo Rosselli: complimenti, bella mossa. E intanto va avanti la proposta di impedire gli affitti brevi nell’area Unesco, il centro storico di Firenze, nel tentativo di riportare le famiglie ad abitare nel centro storico appunto:

tentativo destinato a fallire, visto che le famiglie oggi vogliono l’auto sotto casa e un centro commerciale in prossimità…

Si dice poi che una Commissione nazionale, zitta zitta, stia lavorando da tempo alla modifica del Codice deontologico delle professioni mediche, psicologi compresi, che dovrebbe essere approvata entro questo mese;

verrebbero stabiliti nuovi “protocolli” e più limiti per operatori sanitari e pazienti (per l’eventuale referendum si voterebbe online: ma non per i quattro nuovi principi etici che costituiscono la premessa, e che sono ovviamente la parte più importante…).

Meno male che qualcosa di positivo si muove comunque: per esempio,

gli operatori sanitari cercano di affermare il diritto alla salute con un progetto di legge d’iniziativa popolare per l’elezione diretta della Corte Costituzionale: si può votare online o meglio ancora nel proprio Comune.

Nel frattempo però la scuola è in continuo peggioramento, l’OMS stende i suoi tentacoli sul pianeta, sanità e giustizia in sofferenza, chi produce reddito non lo percepisce…e quant’altro.

Ergo: “ quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?”

Ma Cicerone, più fortunato di noi, almeno fronteggiava un nemico ben conosciuto, che poteva guardare in viso, e sapeva bene come affrontarlo…

Sandra Massai Fallaci©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube