Piantedosi: due milioni di euro per scuole sicure

Politica

Di

Il ministro dell’Interno: la cifra finanzierà in 171 Comuni progetti che hanno l’obiettivo di proteggere i ragazzi dalla piaga della droga in una fase cruciale della crescita

AGI – “Anche quest’anno il Viminale fornirà un importante contributo per supportare, sul tutto il territorio nazionale, iniziative di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti presso gli istituti scolastici”. A sottolinearlo è il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

“Utilizzando risorse del ‘Fondo sicurezza urbana’ – spiega il titolare del Viminale – abbiamo destinato 2 milioni di euro a 171 comuni italiani per finanziare i progetti di ‘Scuole sicure’.

Si tratta di interventi di grande valore, che hanno l’obiettivo di proteggere e tutelare i nostri ragazzi dalla piaga della droga, in una fase cruciale del loro percorso di crescita, quella della formazione scolastica.

Azioni non isolate che si inquadrano in una più ampia strategia, avviata in tutto il Paese, per contrastare le organizzazioni criminali dedite al narcotraffico, grazie al proficuo impegno di magistratura e forze dell’ordine che fa segnare, ogni giorno, importanti risultati, come quelli da ultimo conseguiti oggi a Roma dove, in due distinte operazioni condotte a Tor Sapienza e all’Eur, sono stati sequestrati ingenti quantitativi di stupefacenti pronti a essere immessi sul mercato”.

“Uno sforzo costante per garantire migliori condizioni di sicurezza e legalità ai nostri cittadini”, ha concluso il ministro, in occasione della diramazione ai prefetti della circolare che individua le modalità con le quali gli enti locali potranno accedere ai contributi previsti per i progetti ‘Scuole sicure’.

foto © Nicola Marfisi/ AGF – Matteo Piantedosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube