Brucia una discoteca, tredici morti a Murcia

Mondo

Di

Il rogo ha devastato il Teatre, locale molto noto della città nel sud della Spagna. Il bilancio potrebbe aggravarsi ancora

AGI – Almeno tredici persone sono morte e quattro sono rimaste ferite, in un incendio scoppiato durante la notte nel Teatre, una nota discoteca di Murcia, in Spagna. I servizi di emergenza non escludono che il bilancio delle vittime possa aumentare.

Le persone ferite per inalazione di fumo sono due donne di 22 e 25 anni e due uomini di 41 e 45 anni. La polizia e i vigili del fuoco continuano a cercare corpi tra le rovine del locale, la cui struttura è crollata verso l’interno. I bar e i locali notturni della città resteranno chiusi questa sera in segno di lutto.

Il dolore dei familiari

“Mamma, ti voglio bene, sto per morire” è l’audio straziante che una delle vittime dell’incendio de La Fonda Milagros ha inviato questa domenica a sua madre dalla discoteca in fiamme.

Con il cuore spezzato, alle porte del Palazzetto dello Sport di Murcia, dove il consiglio comunale ha avviato l’operazione di assistenza alle famiglie delle persone decedute, il padre di una ragazza ecuadoriana di 28 anni ha fatto ascoltare ai giornalisti l’audio che sua figlia gli ha inviato la famiglia, solo pochi secondi spezzati in cui li saluta.

“È mia figlia e non ho più notizie di lei. E nemmeno del suo fidanzato”, un ragazzo della sua stessa nazionalità con cui è andata a Murcia da Caravaca de la Cruz, dove vivono, in compagnia di alcuni amici per trascorrere delle vacanze la notte, come spiegato da Jairo, il padre.

Era la seconda volta che venivano a Murcia per fare festa, perché a Caravaca de la Cruz “non ci sono discoteche e ieri sono andati con l’auto di un amico che non beve, ed è ancora parcheggiata lì”, ha raccontato il padre. I suoi occhi si sono concentrati sull’area parcheggio del Palazzetto dello Sport stesso, situato a poca distanza dalla zona ricreativa dove è avvenuta la tragedia quando, intorno alle sei del mattino, è divampato il rogo che ha interessato i suddetti locali, la discoteca Teatre. e un altro adiacente.

L’uomo ha affermato di non conoscere il luogo esatto in cui si trovava sua figlia e che nessun altro membro del gruppo di amici ha contattato le rispettive famiglie. Insieme a lui, infatti, aspettavano notizie altre due mamme e amiche di Caravaca de la Cruz, oltre a giovani sopravvissuti alla tragedia che hanno ricevuto assistenza psicologica dai tecnici mobilitati dal Comune, dalla Comunità Autonoma e da altre organizzazioni.

“Poteva succedere a chiunque di noi”

Darwin, anche lui di nazionalità ecuadoriana e residente nella capitale murciana, si è recato verso mezzogiorno al Palazzo dello Sport per raccogliere informazioni sulla scomparsa di un amico di sua moglie, 46 anni, e uscendo ha spiegato scosso all’agenzia EFE di aver incontrato un collega di lavoro che aveva perso il figlio, poco più che trentenne. Il giovane defunto faceva parte di un folto gruppo di amici che stava festeggiando un compleanno a La Fonda Milagros e che sono rimasti sorpresi dall’incendio che ha interessato la parte superiore del locale.

“È orribile, non si sa ancora nulla e poteva succedere a chiunque di noi abbia figli maggiorenni che escono la sera. I miei figli, per fortuna, ieri sera sono rimasti a casa”, ha commentato tra le lacrime.

In silenzio, sotto un sole soffocante e incollati ai cellulari per la mancanza di notizie da parte delle autorità nelle prime ore dopo la tragedia, decine di familiari e amici restano a presidiare il Palazzetto dello Sport circondati dai volontari della Protezione Civile, dai soci di Cruz Roja e psicologi mobilitati anche da altre parti della Regione, come Lorca, in attesa di confermare i peggiori presagi.

foto © Javier Carrion/ AFP – I soccorsi nella discoteca bruciata a Murcia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube