La Francia difende i suoi librai. 3 euro per spedire libri

Economia & Finanza

Di

Il governo ha imposto una tariffa minima per gli acquisti a distanza su piattaforme come Amazon e Fnac. Ma all’Unione francese delle librerie il provvedimento non piace: può far aumentare i prezzi e ridurre la domanda di libri

AGI – La Francia imporrà da oggi una tariffa minima di 3 euro per la spedizione dei libri acquistati a distanza. Una misura pensata per cercare di proteggere in una certa misura le librerie tradizionali dalla concorrenza di Amazon e di altre piattaforme online come Fnac. Il decreto del Governo fissa questo minimo di 3 euro consigliati dall’Autorità di regolazione per le comunicazioni elettroniche, postali e stampa (Arcep) per ordini inferiori a 35 euro.

Da tale importo, il costo di queste spese di spedizione dovrà ammontare ad almeno un centesimo di euro, il che a prima vista potrebbe sembrare paradossale. La volontà dell’esecutivo è quella di incoraggiare i lettori a comprare di più nelle librerie.

Finora sia Amazon che Fnac non avevano fatturato più di un centesimo per le spedizioni di libri. Tuttavia, l‘Unione francese dei librerie (SLF), che riunisce i professionisti, stima che la nuova regolamentazione non sia all’altezza, tenendo conto che una spedizione costa loro in media 7,5 euro. Per Amazon questo decreto avrà l’effetto di aumentare i prezzi che potrebbero ridurre la domanda di libri.

foto © Jakub Porzycki / NurPhoto / Afp
– Amazon Prime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube