Mattarella “Pace fragile, barbarie della guerra non abbandona il mondo”

Italpress news

Di

ROMA (ITALPRESS) – “I sanguinosi combattimenti che continuano in Ucraina e il massacro scatenato dal vile attentato terroristico di Hamas contro inermi civili israeliani, con la spirale di violenza che ne segue, mostrano, in tutta la sua drammaticità, la fragilità della pace”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale gli allievi degli istituti di formazione militare.“La barbarie della guerra non ha abbandonato il nostro mondo. Ragazzi come voi combattono e muoiono per colpa di estremismi nazionalistici e di fanatismi lontani dai nostri valori. Ne viene offesa la dignità della persona nel primo dei diritti fondamentali di ogni essere umano, quello alla vita – prosegue il capo dello Stato -. Le professionalità che state acquisendo nel vostro iter formativo si aggiungeranno a valori morali e competenze e sono volte a fronteggiare le minacce recate all’Europa e a operare insieme ai nostri alleati per il mantenimento della pace e dello Stato di diritto”.La pace è “un bene incommensurabile, che per tanti anni abbiamo forse iniziato a considerare scontato. Per molti Paesi e popoli non è mai stato così. E oggi, purtroppo, la situazione, a partire dal nostro continente, è ancora più compromessa. Sono sempre più numerosi i Paesi in cui la pace è minacciata o cancellata. La tragedia della guerra è tornata vicino a noi”, ha poi sottolineato Mattarella nel suo intervento alla consegna delle insegne dell’ordine militare, alla vigilia della Festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale.“La brutale aggressione all’Ucraina da parte della Federazione Russa ha riportato d’attualità la consapevolezza che la guerra è ancora possibile anche in Europa”, ha detto ancora il capo dello Stato.“La guerra in Ucraina è, prima di tutto, la tragedia del popolo ucraino che, da oltre 18 mesi combatte e soffre con tante vittime e devastazioni – ha aggiunto -, ma è anche un gravissimo attacco all’intera comunità internazionale e alle regole faticosamente costruite nell’ambito delle Nazioni Unite. Tutto questo sta provocando effetti generali destabilizzanti”.“Un’altra tragedia è in atto in Medio Oriente. I vili attacchi terroristici portati da Hamas lo scorso 7 ottobre contro inermi cittadini dello Stato di Israele – dai bambini agli anziani – hanno alimentato drammaticamente l’irrisolto conflitto israelo-palestinese, con migliaia di morti su entrambi i fronti, pagando un prezzo elevato per un contrasto che da oltre settant’anni dilania la regione senza che si sia pervenuti, responsabilmente, a una soluzione condivisa”, ha proseguito il presidente della Repubblica.“Purtroppo tensioni e crisi affliggono molte altre parti del mondo: nei Balcani, nel Nord Africa, nel Sahel, nelle repubbliche del Caucaso, per ricordare quelle a noi più vicine – ha aggiunto il capo dello Stato -. Soltanto un rinnovato impegno, nel solco nelle nostre scelte europeiste e atlantiche, può rafforzare l’unità di intenti tra le democrazie, necessaria per difendere i valori delle nostre comunità e contribuire a creare un ambiente internazionale pacifico e prospero”.
– Foto ufficio stampa Quirinale –
(ITALPRESS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube