L’ambasciatore Kombo: “Il Piano Mattei è una scommessa per un domani migliore”

Mondo

Di

Riflessioni, appelli e critiche alla vigilia della presentazione del progetto italiano per la cooperazione con il continente

ROMA – “Ci sono più migranti italiani in Tanzania che tanzaniani in Italia” sorride l’ambasciatore Mahmoud Thabit Kombo. Con l’agenzia Dire parla del Piano Mattei, non come antidoto alle migrazioni ma come volano per opportunità condivise, che potrebbero essere favorite anche da un altro progetto, denominato Building a Better Tomorrow.

BUILDING A BETTER TOMORROW

“Il Bbt è un’iniziativa ambiziosa lanciata dalla presidente Samia Suluhu Hassan” spiega il diplomatico, usando un acronimo: “La Tanzania produce molto cibo e vuole nutrire non solo la sua popolazione ma il continente intero”. Secondo Kombo, l’Italia ha tecnologie e risorse nel settore alimentare frutto di una ricerca “millenaria”. “Penso alle Università di Bologna, alla Sapienza di Roma o all’ateneo di Padova” dice l’ambasciatore. “Insieme, attraverso il Piano Mattei, potrebbero contribuire a risolvere l’insicurezza alimentare e a lottare contro la povertà, favorendo la crescita dell’economia e una migliore distribuzione delle ricchezze sia in Africa che in Europa”.

L’INIZIATIVA DEL GOVERNO ITALIANO

Al centro dell’intervista c’è il progetto annunciato dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni. I dettagli dell’iniziativa dovrebbero essere resi noti a gennaio, nel corso di una conferenza Italia-Africa a Roma con capi di Stato e di governo. “Abbiamo ricevuto l’invito ufficiale e in qualità di ambasciatore l’ho già trasmesso” riferisce Kombo. “I contenuti del Piano Mattei non sono stati ancora diffusi ma sicuramente la Tanzania ha molte aspettative nei confronti dell’Italia e allo stesso modo l’Italia ne ha verso la Tanzania”.
Ma su cosa, nello specifico, potrebbe concentrarsi la collaborazione? “Ci aspettiamo più tecnologia italiana, nel comparto della trasformazione degli alimenti, del packaging, dell’agroindustria e dell’industria conciaria” risponde Kombo. “Penso alla condivisione di competenze di eccellenza, di alto livello universitario”.

LA SCOMMESSA DI SULUHU HASSAN

Il piano Building a Better Tomorrow è stato annunciato quest’anno da Suluhu Hassan, divenuta nel 2021 la prima presidente donna della Tanzania. L’idea di base è favorire la crescita del settore primario, che dà già lavoro e reddito al 65 per cento della popolazione, coinvolgendo i giovani e creando valore aggiunto. Secondo statistiche citate da Suluhu Hassan, i tanzaniani di età compresa tra i 18 e i 35 anni sono il 60 per cento della popolazione.

GIRO: IL PIANO MATTEI GUARDA ALLE IMPRESE AFRICANE

Joint venture e acquisti di quote di proprietà di imprese africane: sarà questo il cuore del Piano Mattei, secondo Mario Giro, professore, autore e dirigente della Comunità di Sant’Egidio, già viceministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. La sua analisi prova ad anticipare i punti salienti del progetto, che dovrebbe essere presentato il 28 e 29 gennaio in occasione di una conferenza convocata dalla presidenza del Consiglio italiano alla quale sono attesi capi di Stato e di governo del continente.

“SOFT LOAN ED EQUITY”

“Cos’è il Piano Mattei?” introduce l’argomento Giro, intervenendo a un incontro ospitato dalla Società geografica italiana e dedicato ai dieci anni della rivista Africa e affari. “Il 70 per cento sarà costituito dalle risorse del Fondo per il clima, circa tre miliardi, e ci saranno poi 700 o 800 milioni del fondo rotativo, vale a dire crediti di aiuto gestiti da Cassa depositi e prestiti e dalla Cooperazione” sottolinea l’esperto: “Messi tutti insieme, con l’aggiunta di circa 40 milioni a dono, serviranno per fare soft loan ed equity”.
Secondo Giro, “attraverso il progetto l’Italia entrerebbe in settori imprenditoriali comprando parti di proprietà o avviando joint venture”. Il dirigente di Sant’Egidio prevede che “le risorse complessive saranno di quattro o cinque miliardi, che non è poco, ma non si tratta di dono e non sono stati ancora scelti i settori”.

DIECI ANNI DI AFRICA E AFFARI

A riflettere sui rapporti con il continente è anche Gianfranco Belgrano, direttore di Africa e affari, rivista nata nel 2013 con l’impegno di raccontare cambiamenti e nuove opportunità. Nel suo intervento il riferimento all’iniziativa Italia-Africa, lanciata dieci anni fa su impulso dell’allora ministra Emma Bonino. “Da allora in poi, a prescindere dai colori dei governi, si è assistito a un cambiamento di approccio, che è stato indirettamente guidato dalle imprese” evidenzia Belgrano. Poi, sul tema dei media: “Sulla rivista abbiamo cercato di raccontare l’Africa che funziona, positiva, evitando magari di veicolare l’idea che un conflitto in corso in uno dei suoi 54 Paesi colpisca tutto il continente nel suo complesso”. Tra le opportunità da osservare e cogliere, secondo il direttore, l’area di libero scambio prefigurata dall’African Continental Free Trade Agreement (Afcfta). “Parliamo”, dice Belgrano, “di un continente che nel 2100 avrà una popolazione di oltre quattro miliardi di persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube