Meet&play faccio giochi, vedo gente

Attualità & CronacaLombardia

Di

17 maggio, 24 maggio, 31 maggio dalle 16.00

Presso WOW Spazio Fumetto (Viale Campania, 12 – Milano)

3 pomeriggi di playtest aperto e talk per sperimentare le nuove frontiere del gioco

Torna Meet&Play, in un’edizione rinnovata e in una nuova sede.

Dopo la prima edizione del 2023, che ha contato 200 partecipanti e 16 prototipi di giovani game designer, dal 17 maggio, per tre venerdì consecutivi, WOW Spazio Fumetto – una realtà unica in Italia, di respiro internazionale, trasversale a media, arti e generi diversi – ospita, oltre a un ciclo di sessioni pomeridiane di playtest aperto al pubblico, alcuni incontri con esperte ed esperti del settore videoludico.

Meet&Play, pensato dallo studio di design indipendente We Are Muesli, è un’occasione non solo per testare giochi e videogiochi, e confrontarsi su meccaniche, regole, finali da progettare, ma anche per riflettere sull’importanza degli esperimenti e delle contaminazioni nel game design.

I prototipi di gioco presentati saranno in gran parte quelli degli studenti e delle studentesse del trienno di Produzione Game di SAE Institute Milano, con circa 20 tra board games e videogames di ogni genere e tipologia già annunciati.

Il filo conduttore della sperimentazione lega anche i talk che si alterneranno nei tre pomeriggi.

Aprono il 17 maggio l’intervento di Matteo Pozzi (We Are Muesli) sull’attuale esperienza di sviluppo del videogioco “slice-of-life” In Their Shoes, e di Greta Carrara sulle tecniche per rendere un gioco accessibile, mentre il 24 maggio Pietro Polsinelli si occuperà di game design e teatro, e Cristina Resa di strategie di scrittura e di adattamento di un videogioco per comunicare in modo non escludente. Per finire, il 31 maggio Nicoletta Gomboli e Giulio Bordonaro (This is Not a Duo) parleranno del rapporto tra game design e intelligenza artificiale, e Lorenzo Redaelli della sua esperienza autoriale con la visual novel Mediterranea Inferno (premio Excellence in Narrative al recente IGF di San Francisco).

In chiusura, il 31 maggio, concerto con Game Boy di Kenobit.

L’ingresso è gratuito, ma è richiesta la prenotazione su Eventbrite (dov’è disponibile anche il programma di tutti gli incontri) ai seguenti link:

17 maggiohttps://www.eventbrite.it/e/biglietti-meet-play-faccio-giochi-vedo-gente-s02e01-883955373317?aff=oddtdtcreator

24 maggiohttps://www.eventbrite.it/e/biglietti-meet-play-faccio-giochi-vedo-gente-s02e02-883957549827?aff=oddtdtcreator

31 maggiohttps://www.eventbrite.it/e/biglietti-meet-play-faccio-giochi-vedo-gente-s02e03-883958693247?aff=oddtdtcreator

 

*****

WE ARE MUESLI è un pluripremiato studio di design indipendente di Milano focalizzato su giochi narrativi a tema culturale, storico e artistico. Dopo anni di esperienza professionale in diversi campi della comunicazione (graphic e service design, TV e altro ancora), Claudia Molinari e Matteo Pozzi debuttano nei videogiochi nel 2013 con la visual novel su Jheronimus Bosch CAVE! CAVE! DEUS VIDET. Da allora sono attivamente coinvolti nella community internazionale del gioco come speaker, docenti di game design, promotori di una cultura multidisciplinare, inclusiva e positiva del gioco. Tra gli altri videogiochi a firma We Are Muesli, il docu-game per il 70esimo Anniversario della Liberazione Venti Mesi (2015) e la ballata interattiva sul patrimonio culturale siciliano The Great Palermo (2016). La fase successiva dell’attività dello studio si è concentrata anche su altre forme di gioco all’intersezione tra analogico e digitale, come l’inchiesta giornalistica giocabile Colpo di Stato (2020), l’escape room per il trentennale della caduta del Muro di Berlino WER IST WER (2019), anche nella sua versione libro interattivo Chi è Chi (2020), l’escape room ispirata all’opera di Gianni Rodari Ventiquattro Elle (2021), il libro-gioco digitale a episodi Madeleines (2022), l’escape room per il centenario della nascita di Italo Calvino Ludmilla (2023).

Inaugurato il 1° aprile 2011, WOW Spazio Fumetto è la casa del fumetto di Milano dove approfondire la conoscenza del fumetto, del cinema d’animazione e dell’illustrazione. La particolarità del suo stile, con uno sguardo attento a tutte le possibili contaminazioni tra media e generi diversi, lo rende una realtà unica nel panorama internazionale. Situato in un edificio con forti radici nella storia cittadina, il museo del fumetto di Milano ospita esposizioni temporanee, attività didattiche rivolte a ogni fascia di pubblico e una biblioteca ad accesso libero. Un luogo d’incontro per la comunità di artisti, editori, appassionati e semplici curiosi del fumetto. 

SAE Institute, tra i più grandi Creative Media College globali, è un’Accademia di formazione nelle industrie creative fondata in Australia nel 1976 e presente in 28 Paesi dei 6 continenti, con più di 54 campus. SAE Institute Europe oggi è parte del gruppo AD Education e SAE Italia s.r.l. International Technology College ha sede a Milano, in via Domenico Trentacoste 14. La struttura italiana, inaugurata nel 1996 con un solo corso di Audio Production, ha consolidato negli anni la propria esperienza e le relazioni con i partner dell’industria culturale e creativa tanto che il successo dei percorsi formativi, basato sulla costante alternanza in didattica di teoria e pratica e sul set valoriale trasmesso (https://www.sae.edu/ita/valori/), ha consentito di estendere l’offerta all’ambito cinetelevisivo, alla produzione videoludica e al music business. Dal 2018, SAE Italia rilascia anche titoli di diploma accademico di primo livello per i corsi in Produzione Audio e Produzione Video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube