Giornata mondiale contro desertificazione e siccità

Ambiente, Natura & Salute

Di

Ieri l’altro è stata la giornata mondiale, contro la desertificazione e la siccità.

Una nuova metodologia usa nuclei radioattivi ,per mappare le risorse idriche .

La Giornata mondiale del 14 giugno , contro la desertificazione e la siccità sottolinea l’urgente necessità di arrestare il degrado del territorio, attraverso la cooperazione globale e soluzioni innovative, come quelle offerte dall’uso del nucleare a fini di ricerca.

IL settore del nucleare che tratta , in modo innovativo la questione delle risorse idriche è denominato   “idrologia isotopica” e, rappresenta uno strumento unico e potente per mappare le risorse idriche e quindi proteggerle, costruendo la resilienza alla siccità per le generazioni future.

“Ora sappiamo esattamente quali aree necessitano di particolare attenzione e sappiamo come proteggerle,  per garantire il nostro approvvigionamento idrico per ora e per i prossimi decenni”, ha affermato un ricercatore dell’ Agenzia Internazionale per l’Energia.

L’idrologia isotopica è una tecnica nucleare che rivela come l’acqua si muove attraverso la terra, l’oceano e l’atmosfera, fornendo informazioni sull’origine, l’età, la qualità e il movimento dell’acqua.

Gli isotopi sono atomi dello stesso elemento con lo stesso numero di protoni ma diverso numero di neutroni.

Essendo l’acqua (H 2 O) composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno, ogni goccia ha un'”impronta digitale” o “firma” isotopica unica, a seconda della sua provenienza.

Gli scienziati possono monitorare il movimento e l’inquinamento dell’acqua lungo il suo percorso attraverso il ciclo dell’acqua. 

Da sessant’anni, l’Agenzia Internazionale per l’Energia sostiene i ricercatori di tutto il mondo nella raccolta e nell’analisi di campioni di acqua , e ha creato la rete globale degli isotopi nelle precipitazioni, che è  la rete di monitoraggio mondiale creata dall’Agenzia Internazionale per l’Energia per fornire ai governi e ai ricercatori informazioni a lungo termine e su larga scala,  i dati di cui hanno bisogno per acquisire conoscenze sui processi climatici su scala locale, regionale e globale.

Dati e informazioni aiutano i paesi a raggiungere l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 6 (acqua pulita e servizi igienico-sanitari) e a rispettare l’agenda d’azione per l’acqua.

Dal 1962 i campioni d’acqua vengono inviati ai laboratori dell’Agenzia a Vienna.

I risultati forniscono agli scienziati informazioni dettagliate sull’origine e sull’età e, queste informazioni vengono inserite nel più grande database online di idrologia isotopica.

La grande quantità di dati consente ai ricercatori di comprendere meglio il ciclo dell’acqua , a livello globale e locale.

Ad esempio: quando, dove e come si ricaricano le acque sotterranee. Questa è la chiave per i decisori nella gestione delle risorse idriche, in particolare alla luce del cambiamento climatico. I set di dati e le mappe dell’Agenzia sono liberamente disponibili per gli analisti di tutto il mondo per studiare come il cambiamento dei modelli globali delle precipitazioni influisce sulle risorse idriche locali.  Questi aiutano i paesi a capire come cambiano i modelli delle precipitazioni e come i diversi eventi piovosi si trasferiscono al sistema idrico sotterraneo e li aiutano anche a identificare l’esatta fonte di inquinamento dell’acqua quando si verifica.

L’Agenzia sta promuovendo ulteriormente la cooperazione in materia di acqua attraverso la sua  rete Global Water Analysis Laboratory (GloWAL). Rete lanciata alla Conferenza sull’acqua delle Nazioni Unite nel 2023, la rete è  uno strumento rivoluzionario e rivoluzionario nell’analisi dell’acqua, che consente ai paesi di generare in modo indipendente dati chimici e isotopici sull’acqua. 

 La rete promuove la collaborazione, le migliori pratiche, la condivisione delle conoscenze e lo sviluppo di capacità tra i laboratori, colmando il divario tecnico tra i paesi a basso, medio e alto reddito. Gli obiettivi di GloWAL includono la raccolta indipendente di dati nei paesi a basso e medio reddito, la riduzione delle disparità tecniche, l’attrazione di investimenti finanziari e la promozione dell’innovazione scientifica nell’analisi dell’acqua.  

La prossima settimana (18-20 giugno 2024) si svolgerà a Vienna il primo incontro di coordinamento della rete GloWAL.  Il lavoro dell’AIEA nel promuovere l’uso delle tecnologie nucleari nella gestione delle risorse idriche è determinante per portare avanti gli sforzi globali verso il raggiungimento della sicurezza e della sostenibilità idrica. Attraverso la ricerca continua, la cooperazione tecnica e la collaborazione, possiamo sfruttare tutto il potenziale della scienza degli isotopi nucleari per proteggere le nostre preziose risorse idriche per un futuro migliore e sostenibile.  Abbiamo affermato che siccità, crisi idrica, alluvioni sono caratteristiche degli hotspot climatici che sono le aree del pianeta dove, per ragioni soprattutto fisico-geografiche, il global warming corre più veloce della media, determinando impatti più forti sugli ecosistemi e sugli insediamenti della popolazione. In Europa, ad esempio, il surriscaldamento è decisamente superiore al livello di + 1,1 °C di aumento medio globale della temperatura terrestre rispetto all’epoca pre-industriale (secondo il cento di ricerca Copernicus Climate Change dell’Unione Europea è più del doppio).

Gli hotspot sarebbero una sorta di “sentinella” del clima,  che anticipa fenomeni destinati a coinvolgere aree più ampie, ma anche luoghi dove i cambiamenti hanno effetti tali da scatenare un effetto domino su scala più ampia.

I ghiacciai e la calotta artica ne sono un esempio, con il loro scioglimento che provoca l’innalzamento di mari e oceani e una minore capacità della superficie terrestre di riflettere il calore del sole, peggiorando ancora di più l’effetto serra.   Identificare gli hotspot climatici, ossia le aree più vulnerabili, è utile agli scienziati perché consente di valutare meglio i rischi e di sviluppare strategie di adattamento preziose per l’umanità. Un grande sforzo nel senso della decarbonizzazione del sistema energetico, dell’uso parco della risorsa acqua, dell’uso razionale del territorio, attraverso la rottura della dipendenza agroalimentare, l’autonomia energetica“ tendenziale” è l’obiettivo del Contratto di Rete di impresa, integrato attraverso la strutturazione di una vasta Comunità energetica. Questo nuovo e innovativo modello è nato e si sta sviluppando nella Capitanata di Foggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube