Gaza, bombe vicino la sede della Croce Rossa: 22 morti e 45 feriti

Mondo

Di

Il Comitato internazionale della Croce Rossa a Gaza su X: “Sparare così pericolosamente vicino alle strutture umanitarie mette a rischio la vita di civili e operatori umanitari”

ROMA – “Non è possibile pensare che la guerra non abbia regole e che tutto sia permesso”. Lo ha detto il presidente della CRI, Rosario Valastro, a seguito della notizia di un bombardamento avvenuto nei pressi degli uffici del Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) a Gaza. “Come reso noto dall’ICRC, 22 morti e 45 feriti sono stati portati al vicino ospedale da campo della Croce Rossa. Questo grave episodio avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia ancora più ampia – ha proseguito – se si considera che nei pressi della sede ci sono numerose tende in cui vivono donne, uomini e bambini che a seguito del conflitto non hanno più una casa. Proprio mentre a Solferino sono in corso i festeggiamenti per celebrare la storia di un movimento, quello della Croce Rossa, che ha nell’Umanità il primo dei Princìpi del proprio operato, a Gaza quella stessa Umanità viene messa in discussione dall’ennesima sciagura di un conflitto che non risparmia la vita di civili e operatori umanitari”, conclude Valastro.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa a Gaza su X: “Sparare così pericolosamente vicino alle strutture umanitarie mette a rischio la vita di civili e operatori umanitari“.


fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube