“Più di 20 coltellate, Cristopher stava morendo e gli dicevano di stare zitto”

Marche

Di

Il racconto di un testimone dell’omicidio a Pescara di Cristopher Thomas Luciani, anche lui figlio di Carabiniere

ROMA – “Faceva dei versi quasi di morte e loro gli dicevano di stare zitto. Lui era a terra, con una gamba accavallata all’altra, ripiegato a terra. Uno dei due gli ha dato 15 coltellate, l’altro ha preso il coltello e gliene ha date altre dieci”. E’ agghiacciante il racconto dell’omicidio di Cristopher Thomas Luciani a Pescara, per un debito di droga di 240 euro. Lo ha reso un testimone, uno dei ragazzi che erano domenica sera con i due sedicenni indiziati del delitto. Anche lui è figlio di un Carabiniere.

“Ero allibito, non sapevo cosa fare, volevo fermarli ma non sapevo come fare – è il racconto da Repubblica. “Mentre lo facevano sembrava che non ci stessero più con la testa. Uno di loro ci aveva detto che lo doveva incontrare, ci aveva fatto capire che voleva tirargli due schiaffi. Ci siamo diretti tutti insieme nei pressi della stazione dove c’è un ristorante di sushi”.

“Ero sicuro che era morto, erano tante coltellate davanti a me. Ad esempio aveva avuto una coltellata all’addome, una coltellata alla gamba, dove ci sono le arterie”.

fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube