Il Bancomat, da intuizione a rivoluzione finanziaria

Arte, Cultura & Società

Di

Panoramica

Il 27 giugno 1967, il mondo assisteva alla nascita di una rivoluzione: l’inaugurazione del primo bancomat a Enfield Town, nel Regno Unito. L’invenzione di John Sheperd-Barron ha trasformato il modo in cui gestiamo il denaro, rendendo l’accesso ai contanti più facile, rapido e accessibile 24 ore su 24.

Il Contesto Storico

Nell’era pre-ATM, prelevare contanti era un’impresa ardua. Le banche avevano orari limitati, le code agli sportelli erano lunghe, spesso si era costretti ad attendere il giorno successivo per accedere ai propri fondi. Nel 1967, tutto questo cambiò.

L’intuizione di John Sheperd-Barron

Mentre era immerso nella sua vasca da bagno, John Sheperd-Barron, un quarantenne scozzese, ebbe un’intuizione geniale: creare un distributore automatico di contanti, simile a quelli di cioccolato, azionato tramite una scheda. L’idea conquistò rapidamente i suoi superiori alla De La Rue Instruments, che decisero di sviluppare un prototipo per la Barclays Bank.

Il primo bancomat e il suo funzionamento

 Il 27 giugno 1967, il primo Automated Teller Machine (ATM) entrò in funzione a Enfield Town, nel nord di Londra. A quei tempi, non esistevano ancora le carte di debito odierne. Per utilizzare l’ATM, era necessario un assegno speciale con un numero identificativo dell’utente. L’inserimento dell’assegno e la digitazione di un codice segreto permettevano di prelevare contanti in modo rapido e sicuro.

L’arrivo del bancomat in Italia

L’Italia dovette attendere nove anni per vedere l’introduzione del primo bancomat. Nel 1976, la Cassa di Risparmio di Ferrara fu la prima banca italiana ad adottare questo innovativo dispositivo, segnando l’inizio di una nuova era nella gestione del denaro per i cittadini italiani.

La paternità dell’invenzione

 La paternità dell’invenzione dello sportello automatico è oggetto di dibattito, con almeno sette brevetti depositati. Il primo di questi risale agli anni ’30 e fu presentato a New York da Luther George Simjian. Tuttavia, il bancomat di Sheperd-Barron fu il primo a essere effettivamente implementato e ad avere un impatto significativo sul settore bancario.

Impatto dell’Innovazione

L’invenzione del bancomat ha rivoluzionato il settore bancario, rendendo l’accesso al denaro più facile e veloce per milioni di persone in tutto il mondo. Ha eliminato le lunghe code agli sportelli, ha ampliato l’orario di accesso ai contanti e ha promosso l’inclusione finanziaria. Oggi, grazie alla visione di pionieri come John Sheperd-Barron, possiamo godere della comodità di prelevare contanti in qualsiasi momento e luogo.

testo alto dell'immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube