Thomas non si poteva salvare, letali le lesioni ai polmoni. L’autopsia conferma l’omicidio brutale

Attualità & Cronaca

Di

Uno shock emorragico irreversibile avrebbe portato velocemente alla morte del 16enne, il cui corpo è stato trovato in un parco a Pescara domenica scorsa. Il Gip: gli assassini “volevano causare sofferenza e morte”

PESCARA – Thomas non poteva essere salvato: delle 25 coltellate ricevute, fatali sono state quelle ai polmoni che hanno provocato uno shock emorragico irreversibile. La morte sarebbe giunta rapidamente, mentre i due assassini infierivano su di lui e gli dicevano di “stare zitto”. L’autopsia del sedicenne Christofer Thomas Luciani, ucciso domenica scorsa, in pieno pomeriggio, nel parco Baden Powell a Pescara,  conferma così quanto è emerso dal primo esame sul suo corpo e dalle prime testimonianze: i fendenti che lo hanno colpito sono stati 25 e “l’unico vero intento– dei suoi assassini- era quello di causare sofferenza e morte“, come si legge nelle carte del giudice che ieri ha convalidato il fermo ai due coetanei ritenuti responsabili dell’omicidio.

Da quanto trapela, l’esame condotto dal medico legale Christian D’Ovidio, alla presenza del collega Ildo Polidoro, perito di parte della famiglia di Thomas Luciani, è durato sei ore e avrebbe stabilito come causa della morte lo shock emorragico causato dalle lesioni ai polmoni. Il medico legale rimetterà la sua relazione alla procura presso il tribunale dei minori dell’Aquila entro 60 giorni.

IN CARCERE I DUE INDAGATI, COETANEI DELLA VITTIMA. IN SILENZIO DAVANTI AI MAGISTRATI

Rimarranno in carcere i due minorenni accusati dell’omicidio del sedicenne Christofer Thomas Luciani uno detenuto all’Aquila, l’altro a Roma. Gli indagati nella giornata di ieri sono stati interrogati dai magistrati, rimanendo in silenzio di fronte alle loro domande.

Nel decreto di convalida il magistrato parla di inclinazione violenta, viene ricostruito quel drammatico e crudele pomeriggio al parco di un gruppo di ragazzi, attraverso i fotogrammi ripresi dalle telecamere di sorveglianza e le parole del testimone, uno dei minori presente al crimine.

Sarebbe stato un vero e proprio agguato quello in cui è caduta la vittima, ripresa al parco: le immagini lo mostrano preso sotto braccio da uno dei presunti assassini, mentre si allontanano insieme verso dei cespugli, da cui però Thomas non fa ritorno. E poi, gli assassini tornano dal resto del branco, uno dei due appare con una canottiera diversa e pulita, poi tutti insieme vanno in spiaggia a fare il bagno, con selfie di rito. La maglietta sporca verrà ritrovata poco più tardi a casa della nonna che stava per metterli in lavatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube