Addio all’orsa Caterina, mascotte del Parco nazionale della Maiella

Ambiente, Natura & Salute

Di

Fondatrice dell’area faunistica di Palenara, era stata salvata dai forestali dopo 24 anni passati in gabbia

Autore: Sausan Khalil

ROMA – “Un triste annuncio per tutti gli amici del #parcomaiella e per i cittadini di Palena. L’orsa Caterina ci ha lasciato”. Con queste parole il Parco della Maiella rende noto, sulla sua pagina facebook, la dipartita dell’orsa che fu la “fondatrice” dell’area faunistica di Palena. Caterina era stata lì ospitata per più di 9 anni, “dopo il sequestro che il Nucleo CITES Campania del Corpo Forestale, nel 2015, aveva condotto perché la povera orsa, importata probabilmente dall’est Europa, era rinchiusa in un’angusta gabbia in una struttura turistica privata”. La morte è avvenuta a causa di un melanoma. Caterina era stata affidata al Parco della Maiella “e, dopo circa 24 anni di vita in gabbia, l’Area Faunistica di Palena le aveva offerto spazi e stimoli diversi, all’ombra della montagna e in compagnia, sebbene sempre a distanza, delle altre due orse, Iris e Margherita, che le davano compagnia e, a volte, anche qualche motivo di “dispetto” e blanda competizione”, raccontano i getsori del Parco. Caterina “ha fatto conoscere la vita degli orsi a migliaia di bambini e ha mostrato la sua pacatezza e la sua riservatezza a innumerevoli gruppi di turisti e visitatori della Maiella. Le saremo sempre grati per averci aiutato ad avviare il nostro percorso didattico e di recupero di orsi in difficoltà a Palena e speriamo di esserci meritati la sua preziosa presenza con le cure, le attenzioni e gli spazi che le abbiamo, seppure in parte, restituito, dopo una vita difficile.

Prosegue il Parco della Maiella: I veterinari del Parco le avevano diagnosticato, qualche mese fa, un melanoma al labbro superiore destro, una brutta lesione che però si era mantenuta non invasiva, senza mai darle fastidio nella masticazione e nell’alimentazione. Caterina comunque aveva 34 anni, che per un orso, anche in cattività, sono tanti. Piano piano nelle ultime settimane si è fatta più debole, negli ultimi 4 giorni si è fatta alimentare, in decubito, sul suo letto di paglia. Da ieri era entrata in stato comatoso e, stamattina, si è spenta senza particolari sofferenze. Un grazie particolare a tutti i cittadini di Palena, alle cooperative locali e a tutti i ragazzi, collaboratori e volontari del Parco che hanno conosciuto l’orsa Caterina e l’hanno saputa raccontare ed assumere a simbolo di una rinnovata amicizia tra uomini e orsi”, conclude il messaggio.

fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube