Amleto cataldi e fascismo

Arte, Cultura & Società

Di

ARTE E FASCISMO è una esposizione aperta nell’aprile scorso nel Museo MART di Rovereto in provincia di Trento da  “un’idea di Vittorio Sgarbi”  come informa il comunicato stampa. Una iniziativa che intende illustrare l’arte decorativa e gli artisti dell’epoca. Quello mussoliniano fu un momento particolarmente ricco di realizzazioni architettoniche non solamente di singoli manufatti ma addirittura di fondazioni di vere e proprie città e quartieri: una impronta visibile in molte città d’Italia dallo stile inconfondibile e  la iniziativa  espositiva di cui è questione vuole occuparsi delle opere d’arte di decorazione degli artisti pittori e scultori maggiormente sensibili o partecipi dell’epoca e delle istanze politiche: è  stato un momento ricco di opere presenti nei musei e nelle collezioni private, a prescindere dalla validità artistica rimessa ai gusti personali. Ma qui non si vuole entrare nei dettagli delle opere e degli artisti, solo soffermarci su una lacuna, a mio avviso, imperdonabile e inqualificabile della organizzazione: ci riferiamo  ad uno scultore, che al contrario ben altro comportamento avrebbe, a rigore,  preteso: basti aggiungere che viene ignorato perfino  nel comunicato stampa fatto circolare!

Stiamo alludendo ad Amleto Cataldi (1882-1930)  lo scultore di Roma, documentato in musei e istituzioni, in Italia e all’estero. Già la speciale connotazione di scultore di Roma lo connota e evidenzia in maniera inequivocabile: nessun artista, pittore o scultore, è presente nella Capitale  con tante opere quanto le sue, opere  -per rimanere nel tema-  ordinate e commissionate dal Regime medesimo, il che fa una  sensibile differenza, salvo eccezioni, rispetto a quelle di altri artisti. Le sculture governative di Amleto Cataldi sono del più grande significato e presenti nei luoghi istituzionali o all’aperto quali al Villaggio Olimpico con quattro coppie  colossali di atleti in bronzo all’origine presentate dal Duce sulla facciata dello Stadio Flaminio, il Monumento alla Guardia di Finanza alto 20 m. in Largo XXI Aprile inaugurato dal re l’8 dic.1930, le due sculture in bronzo di donne distese  nel salone della motonave  Conte Grande nel 1928, le quattro sculture in bronzo di ninfe nel padiglione italiano a Parigi  nel 1925 alla Mostra Int.

Arti Decorative, la Dea  Roma sulla facciata del Palazzo Italia alla fiera di Tripoli, la donna in corsa sulla sommità del Palazzo delle Esposizioni a Roma in occasione  della Mostra Intern. delle automobili nel 1929, i busti in marmo  al Pincio e al Gianicolo, il Monumento agli Studenti Romani alla Univ. la Sapienza, il Monumento ai Caduti  a  Foggia  nel 1928 tra i più importanti d’Italia inaugurato dal Re e quello in marmo di Carrara a Lanciano  dal Principe Umberto, sempre governativi, il Monumento ai Caduti di Capranica, di Bassano Romano e di Grottaferrata.

Oltre a queste, ed alcune altre di minore importanza pure  commissionate dal Regime, a Roma sono  visibili altri capolavori da altre committenze quasi tutte pubbliche dell’epoca quali i due busti al Campidoglio e al Senato,  la Fontana della Ciociara nota come l’anfora sul Pincio, una delle quattro Vittorie (quella con le  braccia abbassate) sul Ponte Vitt. Eman.II, la Fontana con la Portatrice d’acqua  del Palazzo della Protezione Civile in Via Ulpiano,  alla Galleria Nazionale cinque opere   e alla Galleria Comunale con tre e poi  i due Arcieri alla Banca d’Italia e al Quirinale, la Ekaté in marmo  di Carrara  pure a Roma, al Ghetto la Edicola a Giggi Zanazzo, senza ricordare  altre  minori. I cinque-sei anni di attività di Amleto Cataldi in epoca mussoliniana terminati con la sua morte imprevista nell’agosto 1930, sono stati all’insegna del massimo successo e dei più manifesti riconoscimenti da parte  delle gerarchie a partire dal Re  e dal Duce. La celebrità dell’artista si registra a partire dal 1903 ed è tutta una continua ascesa di opere di successo  sparse un pò dovunque che  nella critica del tempo trovarono il dovuto ampio riconoscimento: i  sei anni circa mussoliniani esaltarono e glorificarono un artista già pienamente conosciuto e affermato in Europa e che con impegno e partecipazione accettò e valorizzò anche  le peculiarità del Regime, pur se tale totale dedizione e peso di lavoro dovettero essergli fatali.  Con la sua morte inizia anche la fine critica.

Stando alle parole di un noto studioso la causa sarebbe la “demonizzazione fascista” che ne avrebbe provocato  il totale  disconoscimento e disattenzione! In effetti dalla sua morte non vi è stato un segno di vita da parte della ricerca se si esclude una tesi di laurea sulla sua figura e un paio di articoli in un periodico, il resto quasi sempre insignificanti rievocazioni o riletture. A tale a dir poco immeritato oblio nonché negligenza, si aggiunge, appena si va in internet, l’incontro con la scheda biografica fornita da nota casa editrice che rappresenta la summa della superficialità, delle omissioni, dei giudizi strampalati nonché di macroscopici errori  nelle citazioni,  che malauguratamente ancora oggi rappresenta, pedestremente convalidato e ribadito, il cibo  critico di cui si nutre chiunque vuol dire qualche cosa sull’artista, anche se in questi ultimi anni, ad attenta ricerca, è possibile gustare anche altri cibi, genuini! E per tornare alla mostra MART tra le circa quattrocento opere in esposizione è anche un nudo in marmo di donna, di circa 80 cm firmato dallo scultore ciociaro Cataldi: opera in verità sconosciuta alla critica dell’epoca, scultura  su  commissione che  anticipa o si ispira manifestamente all’opera in bronzo del medesimo soggetto, nudo con specchio, in grandezza naturale  presentata  nel 1930 a  Venezia: l’opera al MART,  con riferimento anche alla fattura di quelle mani e di quel fondo schiena degni di raffinato scalpello, sono firma e prova del valore dell’artista creatore.

Michele Santulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube