fbpx

Abbiamo proclamato troppo in fretta la fine della pandemia di SARS-CoV-2?

Ambiente & Salute

Pubblicato da:

alle ore: 11:31

La guerra in Ucraina pare aver spazzato via due anni di pandemia da Coronavirus. Si è passati nel giro di pochi giorni da interi telegiornali e talk show dedicati al virus e dintorni alla repentina scomparsa dell’argomento. Ma tutto è avvenuto troppo in fretta?

Mentre le politiche sanitarie sono cambiate considerevolmente e il tanto denigrato passato sanitario sembra essere caduto nell’oblio, i virologi di tutto il mondo continuano a sezionare i meccanismi dell’evoluzione del virus. E se si affinano le vie di ricerca, resta fitto il mistero intorno alle condizioni di emersione di varianti preoccupanti, il cui rischio non è escluso.

Fin dalla comparsa del virus, una domanda ha animato il pensiero degli specialisti, sia che ne stiano studiando il genoma, gli ingranaggi che ne consentono la trasmissione e la replicazione nel corpo umano o il suo sistema di evoluzione confrontandolo con altri virus, in particolare l’influenza . Qual è il sistema attraverso il quale si evolve SARS-CoV-2 e cosa ne sarà della popolazione umana che ne era libera meno di tre anni fa?

Inizialmente si basavano sul sequenziamento dei genomi virali in circolazione, reso possibile grazie a una sorveglianza genomica senza precedenti. Con un modello di riferimento in vista, il virus dell’influenza stagionale, che evolve secondo un meccanismo noto come “shift antigenico”. In una popolazione vergine e non immune, il virus inizialmente non incontra ostacoli alla sua diffusione ma, a seguito di vaccinazione o infezione, l’immunità di gregge lo rallenta e il virus evolve gradualmente.

I limiti del modello influenzale. Almeno questo è ciò che accade con il virus dell’influenza stagionale e dirige la sua evoluzione nella popolazione umana. All’aumentare della proporzione di persone immunizzate, la variante dominante contro cui è inizialmente diretta l’immunità si diffonde meno rapidamente, a vantaggio delle varianti virali ad essa meno sensibili a causa di lievi modificazioni delle regioni della superficie della proteina. virus, a seguito di mutazioni. Il virus può quindi persistere nella popolazione e gli specialisti si affidano alla conoscenza di questo fenomeno per cercare di prevedere la prossima variante influenzale dominante.

Durante i primi mesi della pandemia SARS-CoV-2, la sorveglianza genomica ha rivelato un fenomeno simile e i virologi hanno iniziato a monitorare le mutazioni ricorrenti che interessano la proteina spike, come la mutazione in posizione 484 che sembrava annunciare l’adattamento del virus all’immunità della popolazione. Fino a quando un altro fenomeno non interviene con questo per contrastare le loro previsioni, l’emergere improvviso di varianti altamente mutate non derivate dalle varianti dominanti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube