fbpx

Addio al Gogol Center, ha chiuso il celebre teatro d’avanguardia russo

Mondo

Written by:

Il cambio ai suoi vertici, imposto dalle autorità di Mosca, è stato letto come una chiusura di fatto, sullo sfondo dell’inesorabile assottigliamento degli ultimi spazi di dissenso.

di Marta Allevato

AGI – Celebre per le messe in scena provocatorie e su temi ‘scomodi’, il teatro d’avanguardia piuù famoso di Russia, il Gogol Center di Mosca, ha tenuto ieri sera il suo ultimo spettacolo: un cambio ai suoi vertici, imposto dalle autorità, è stato letto come una chiusura di fatto, sullo sfondo dell’inesorabile assottigliamento degli ultimi spazi di dissenso in Russia. Trasformato in una sorta di oasi di libertà dal pluripremiato regista Kirill Serebrennikov – ora costretto all’esilio per le sue posizioni – il teatro ha tenuto il suo ultimo spettacolo trasmesso anche in una diretta sui social.

Su Instagram Serebrennikov – che aveva lasciato già anni fa la direzione artistica del Gogol ai suoi collaboratori, ma i cui spettacoli erano ancora in cartellone – ha denunciato che il potere “ha deciso di chiudere il teatro. Per la sua posizione. Per la sua integrità. Per il suo tentativo di libertà”. Serebrennikov si era subito schierato contro la guerra e lo stesso teatro, in tutti questi mesi di conflitto, ha messo in atto alcune azioni di protesta contro l’invasione dell’Ucraina: gli attori non uscivano per gli inchini e gli applausi finali, mentre ogni spettacolo si chiudeva con l’immagine di una colomba.

Finisce così un’era teatrale: nel 2012, Serebrennikov aveva preso in mano quello che era un moribondo e mediocre teatro ribattezzandolo Gogol Center e creando un luogo di sperimentazione che ha influenzato anche altri palcoscenici moscoviti tra cui il Bolscioi, dove il regista ha messo in scena il controverso balletto ‘Nureyev’, ora rimosso dal repertorio del tempio della danza russa.

I temi trattati al Gogol spaziavano dall’omosessualità al rapporto tra Stato e Chiesa fino a quello del cittadino col potere. Nel febbraio 2021, Serebrennikov era stato espulso dal suo incarico, pochi mesi dopo essere stato condannato per un caso di appropriazione indebita considerato dai piu’ un mezzo per metterlo a tacere. Dopo gli arresti domiciliari e diversi premi all’estero, l’artista è ora in esilio in Germania. Nell’ultimo spettacolo, ieri sera, davanti a una sala gremita e commossa, gli attori del Gogol Center hanno interpretato i testi del poeta ed ex soldato Yuri Levitanski (1922-1996), molto apprezzato dall’intellighenzia. Il titolo è tratto da un verso emblematico: “Ho dimenticato quasi tutto, voglio dimenticare tutto. Non faccio la guerra, la guerra si fa dentro di me”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube