fbpx

Adriano Pistilli: “Vi spiego l’utilizzo della FOS”

Ambiente & Salute

Gli impianti STIR (Stabilimento di Tritovagliatura ed Imballaggio Rifiuti) e gli impianti TMB (Trattamento Meccanico Biologico) sono impianti che generano rifiuti da rifiuti.

Entrano rifiuti con codice CER 200301 “Rifiuti urbani non differenziati” e ne escono rifiuti che possono essere con codice CER 19.12.10 “Combustibile derivato da rifiuti”(combustibili), codice CER 19.12.12 “Altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce 19 12 11” (speciali), codice CER 19.05.03 “Compost fuori specifica” (frazione organica stabilizzata per copertura delle discariche), codice CER 19.05.01 “Parte di rifiuti urbani e simili non compostata” (frazione organica stabilizzata da smaltire in discarica) ed altri codici.

Gli impianti separano la parte combustibile dei rifiuti da quella più umida e generano scarti che dovranno successivamente essere trattati o smaltiti.

In un impianto STIR o TMB si genera un’uscita del 20-25% al massimo di combustibile da rifiuti e del 30% di frazione organica stabilizzata, che di volta in volta si classifica 0.3 o 0.1 e che viene impiegata per le coperture di discarica, o per lo smaltimento, comunque sempre in discarica. Quello che resta consiste in scarti, pesanti e leggeri, che ugualmente devono andare a successivi e costosi trattamenti.

L’attribuzione dei codici CER alla frazione organica stabilizzata non è questione soltanto chimico-fisica. Un codice 19.05.03 vuol dire che l’indice respirometrico dinamico e altri parametri della frazione organica stabilizzata sono tali da consentire di qualificare quella frazione organica stabilizzata come sostitutiva di materiale vegetale per le coperture delle discariche.

In buona sostanza, quel quantitativo di FOS, se è codice CER 19.05.03 “Compost fuori specifica”, va in discarica, ma non viene contemplato come rifiuto perché serve a sostituire le coperture con terreno vegetale: quindi non paga tasse e si paga di meno per collocarla.

Se però quella frazione organica stabilizzata è codice CER 19.05.01 “Parte di rifiuti urbani e simili non compostata”, ciò vuol dire che non è così stabilizzata e che ha indicatori che non sono perfettamente corrispondenti alle norme e, quindi, deve andare a smaltimento.

Se va a smaltimento, quella frazione organica stabilizzata costituisce rifiuto, paga l’ecotassa e, di fatto, ingombra la discarica.

Adriano Pistilli

Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti, esperto di Diritto Ambientale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE