fbpx

Affitti in calo in Europa: sempre meno accessibilità e convenienza nell’ultimo anno

Attualità & Cronaca

● Nelle città europee quasi tutti i tipi di immobili hanno prezzi più alti rispetto all’anno precedente
● I prezzi dei monolocali sono in aumento; quelli degli appartamenti sono sempre più alti
● Le restrizioni e le sanzioni locali potrebbero non essere state la soluzione migliore

MILANO –  L’International Rent Index Report di HousingAnywhere per il quarto trimestre 2021 mostra un trend continuo all’aumento degli affitti per tutti i tipi di abitazione (appartamenti, camere private e monolocali), con gli appartamenti che registrano l’aumento più ripido e i monolocali che seguono a ruota. Confrontando i prezzi con il quarto trimestre dell’anno precedente, vediamo anche un considerevole aumento annuale accumulato. Questo è più evidente per gli appartamenti di Berlino, con un aumento dei prezzi sbalorditivo per gli appartamenti di quasi il 40% rispetto al quarto trimestre del 2020.

“Le città sono in concorrenza per i giovani, mentre i giovani sono in concorrenza per gli immobili”, dice Djordy Seelmann, CEO di HousingAnywhere. “Questo richiede che le parti interessate, come i comuni, le università, gli imprenditori immobiliari e i provider tecnologici, lavorino insieme per trovare soluzioni a breve e lungo termine per la crisi degli appartamenti che affligge l’Europa. Dovremmo dare la priorità alla co-creazione e alla cooperazione, dato che i talenti in giro per il mondo stanno rimandando o addirittura cancellando i loro piani di formazione e carriera internazionale perché non riescono a trovare un’abitazione adeguata.”

La semplice organizzazione del mercato degli affitti con l’uso di prezzi massimi e regolamenti per raggiungere l’accessibilità non sembra ottenere i risultati desiderati, come è dimostrato dal contrasto che Berlino sta vivendo dopo l’abolizione del limite agli affitti (‘Mietendeckel’) all’inizio di quest’anno. Ancora una volta, la mancanza di alloggi disponibili e accessibili sta determinando i prezzi, con il risultato di un aumento di quasi il 40% dei prezzi di affitto degli appartamenti.

Disponibilità, accessibilità e abbordabilità
“Vediamo la disponibilità, l’accessibilità e convenienza come le fondamenta di un ecosistema di locazione più sostenibile”, dice Seelmann. “Gli sgravi a breve termine, come i limiti agli affitti e le regolamentazioni, non sono sostenibili e possono anche essere controproducenti a lungo termine, aggiungendo rischi agli investimenti residenziali. Questo può avere un impatto negativo sulla disponibilità e l’accessibilità. Il mercato degli affitti richiede una visione più forte e a lungo termine per raggiungere i tre obiettivi.

“La disponibilità può essere raggiunta rinnovando le proprietà esistenti e sviluppando nuove proprietà, ma anche proteggendo gli stock abitativi ed evitando che vengano utilizzati per il mercato degli affitti turistici. L’accessibilità può essere perseguita offrendo una varietà di scelte adatte a diverse situazioni finanziarie, per garantire la diversità e l’inclusione. E infine, ma non meno importante, l’accessibilità può essere promossa prendendo in considerazione aspetti al di là degli attributi finanziari diretti, come la possibilità di scelta, la trasparenza delle informazioni sugli affitti, le infrastrutture, l’istruzione e le opportunità di lavoro, la cultura e i vantaggi unici dei quartieri e delle loro comunità.”

Le tendenze più importanti nel Q4 2021
1. La top 5 delle città che hanno visto il più rapido aumento dei prezzi degli appartamenti su base annua rimane simile al trimestre precedente. Dopo Berlino (39,47%) e Amburgo (21,30%), i prezzi degli appartamenti a Reykjavík sono aumentati del 20,43% su base annua, seguiti da Vienna (16,74%) e Milano (14,45%).
2. Parigi, Londra, Amsterdam e Utrecht dominano le prime posizioni per il prezzo di affitto di tutti i tipi di proprietà. Parigi si attesta come la città più costosa, segnando la prima posizione sia per gli affitti di appartamenti (€1963,57) che di stanze private (€786,94), seguita da vicino da Londra con la prima posizione per gli affitti di monolocali (€1210,68), la seconda per gli appartamenti (€1850,18) e la terza per le stanze private (€710,87). Sia Amsterdam che Utrecht sono posizionate nella top 5 per tutti i tipi di proprietà.
3. Tutte le città e le tipologie di proprietà della Spagna stanno registrando un forte aumento trimestrale a seguito del via libera alla bozza preliminare della nuova politica abitativa, mentre ci si chiede se un insieme di misure così complesso sia la soluzione migliore per affrontare la causa fondamentale della crisi: la mancanza di approvvigionamento. Barcellona sta guidando questa tendenza con l’aumento più forte per appartamenti (5,98%) e stanze private (4,98%), mentre per i monolocali, Madrid ha registrato l’aumento più alto tra le città spagnole con il 5,1%.
4. L’aumento trimestrale su tutti i tipi di proprietà nei Paesi Bassi rallenta, mentre il mercato anticipa i cambiamenti delle politiche a livello municipale. Tuttavia, l’aumento anno su anno dell’affitto degli studi di Amsterdam e Utrecht è molto importante, con Amsterdam che registra la prima posizione (21,62%) e Utrecht, la terza (18,80%). Inoltre, i dati di HousingAnywhere relativi all’andamento di annunci e prenotazioni svelano che lo squilibrio tra domanda e offerta è molto presente nelle città olandesi. Le proprietà disponibili vengono prenotate a una velocità molto più rapida a causa del maggior numero di potenziali inquilini che sono alla ricerca di una nuova casa.
5. Questo squilibrio sembra prevalere anche in altre città europee, per tutti i tipi di proprietà – quasi tutte sono ad un punto di prezzo più alto di un anno fa. I prezzi degli appartamenti sono saliti in tutte le città europee coinvolte, i prezzi dei monolocali sono saliti in tutte le città eccetto l’Aia, e i prezzi delle stanze private sono saliti in tutte le città eccetto l’Aia e Helsinki. Questo indica che la carenza di alloggi non è affatto un problema di una specifica città o paese, ma una questione di preoccupazione a livello europeo e forse globale.

Le 3 principali tendenze del mercato dell’affitto nel 2021
Le opportunità di miglioramento diventano evidenti quando si osservano le principali tendenze dei mercati degli affitti nell’anno scorso. Le restrizioni e le sanzioni locali che sono state attuate in diverse città europee sembrano aver scoraggiato lo sviluppo di nuovi alloggi e l’offerta di alloggi in affitto (disponibilità), con il risultato di prezzi di affitto ancora più alti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo stock di alloggi che ritorna sul mercato degli affitti a breve termine per le vacanze dopo l’allentamento delle restrizioni di viaggio legate a COVID, ha anche contribuito a intensificare le carenze e a far salire i prezzi (accessibilità). Inoltre, gli stakeholder del mercato degli affitti lavoravano in silos, trascurando il più ampio impatto sociale della carenza di alloggi (accessibilità).

Le 3 principali tendenze del mercato dell’affitto previste per il 2022
Estrapolando queste tendenze al prossimo anno, prevediamo cautamente alcuni cambiamenti per il miglior risultato. Stimolati dalla continua incertezza, gli affitti a breve termine potrebbero tornare a far parte degli stock a medio e lungo termine all’inizio del 2022, alleviando temporaneamente la carenza di alloggi in affitto (disponibilità). Tuttavia, l’azione dei governi e dei comuni sarà necessaria per mantenere queste proprietà disponibili quando le restrizioni saranno nuovamente allentate. Come risultato della fallimentare regolamentazione del mercato dello scorso anno, i comuni potrebbero essere motivati a introdurre politiche con un migliore equilibrio tra sanzioni e incentivi nel tentativo di stabilizzare i prezzi degli affitti (accessibilità). Imparando dagli anni precedenti, gli stakeholder del mercato degli affitti potrebbero essere inclini a unire le forze, per creare valori condivisi e impatto sociale (accessibilità).

A proposito dell’HousingAnywhere Rent Index
Per questa quattordicesima edizione del report, HousingAnywhere ha analizzato 124.462 proprietà elencate sulla piattaforma tra ottobre e dicembre 2021. Per garantire la rappresentatività dei dati, sono state escluse le proprietà che non hanno riscosso un interesse attivo da parte dei potenziali locatari, nonché le inserzioni che sono state considerate anomale. Gli immobili elencati come troppo costosi o troppo economici non sono stati presi in considerazione in questo rapporto in quanto altererebbero i dati. Nella relazione sono state incluse solo le città in cui il campione era sufficientemente elevato da garantire l’affidabilità dei dati, che prendono in considerazione le stanze singole in appartamenti condivisi, i monolocali e i bilocali. La relazione è anche disponibile in inglese, spagnolo, tedesco e olandese.

A proposito di HousingAnywhere
HousingAnywhere (www. housinganywhere.com/it) è la piattaforma di affitto di alloggi per studenti e giovani professionisti più grande al mondo. Con oltre 60.000 annunci e più di 10 milioni di utenti, HousingAnywhere mette in contatto locatari e proprietari di immobili. Attraverso la piattaforma, gli inquilini prenotano per un periodo di permanenza che va dai 3 ai 12 mesi. L’azienda ha sede a Rotterdam e impiega attualmente 140 persone. Al momento la startup tech è presente in 32 città chiave in tutta Europa, e ha piani per espandere ulteriormente il proprio business.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube