fbpx

Al Forum di Davos spira un vento nuovo?

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 17:28

Il tanto discusso grande incontro tra  ricchi e potenti del mondo riparte dopo due anni, ma pandemia e  guerra possono rappresentare un cambio di orizzonte?

Davos, comune svizzero di circa 11 mila abitanti, in una zona alpina della Svizzera tedesca è ormai conosciuto nel mondo intero visto che, ogni anno, ospita il noto World Economic Forum. Dopo due anni di Covi-19 e l’annullamento dell’edizione 2021, il tanto discusso evento internazionale si svolge nuovamente da oggi al prossimo giovedì.

Per i più potenti finanzieri del pianeta, alcune grandi emergenze saranno all’ordine del giorno, dalla pandemia alle economie in crisi, dalla guerra alla transizione climatica e ecologica. Uno dei temi principali è di sicuro conflitto tra Russia e in Ucraina, con i suoi nefasti effetti su una crescita che pareva finalmente assicurata, dopo le batture d’arresto degli ultimi anni, al centro di decine di incontri.

Il vertice, da cui sono stati esclusi i russi, si apre con l’intervento del presidente ucraino Zelensky in collegamento video. Spira un vento certamente diverso sull’edizione in corso; tuttavia, è ancora difficile diradare le ombre di sospetto che talora sono state gettate riguardo alle ragioni recondite che animano i convenuti.

Sussiste però ora la speranza di un cambio di paradigma, ovvero qualcosa di migliore per un futuro diverso, non solo fatto quindi di cura degli interessi economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube