fbpx

Al via il maxi progetto per studiare il cancro dell’olivo

Attualità & Cronaca

Tra le malattie fogliari che colpiscono l’olivo l’antracnosi è considerata una delle più importanti ed è causata da specie di funghi del genere Colletotrichum e provoca elevate perdite sulla resa dei frutti e sulla qualità dell’olio durante gli anni dell’epidemia  

© Nicolas Economou / NurPhoto / AFP 
– Ulivi 

Il Dipartimento di Agronomia dell’Università di Córdoba ha avviato uno studio internazionale per comprendere le diverse specie del patogeno che colpisce l’olivo, della antracnosi grazie a campioni raccolti nel corso di 25 anni.

Tra le malattie fogliari che colpiscono l’olivo, l’antracnosi è considerata una delle più importanti. Questa malattia, comunemente nota come cancro, è causata da specie di funghi del genere Colletotrichum e provoca elevate perdite sulla resa dei frutti e sulla qualità dell’olio durante gli anni dell’epidemia. 

Così, un team dell’Unità di Eccellenza María de Maeztu – Dipartimento di Agronomia dell’Università di Córdoba (DAUCO) ha condotto uno studio internazionale con la caratterizzazione specifica di una raccolta di 185 isolati di Colletotrichum (campioni estratti da ulivi con sintomi di antracnosi e contenente l’organismo puro) provenienti da varie enclavi in ​​tutto il mondo. 

In precedenza, solo due specie complesse del genere Colletotrichum erano note per causare l’antracnosi dell’olivo, ma, dopo varie revisioni tassonomiche, sono state distinte in tutto il mondo fino a 18 specie del fungo associate alla malattia. 

Con l’obiettivo di ottenere una conoscenza più approfondita della biologia del patogeno e, quindi, di poter selezionare le misure di controllo più efficaci contro di esso, questo team DAUCO ha caratterizzato la raccolta di isolati di Colletotrichum ottenuti in 25 anni di lavoro, e con campioni non solo dalla Spagna, ma anche da Australia, Brasile, California, Grecia, Italia, Portogallo, Tunisia e Uruguay; così come altri ospiti sensibili alla malattia, come mandorle, fragole, arance e pistacchi. 

Nello studio, condotto dai ricercatori del Dipartimento di Agronomia dell’UCO Juan Moral, Carlos Agustí e Antonio Trapero “è stata effettuata una caratterizzazione fenotipica, molecolare e patogena, la caratterizzazione molecolare essendo quella decisiva per l’identificazione della specie”, ha spiegato Antonio Trapero. 

“Nel caso del Colletotrichum, le sue caratteristiche morfologiche non ci permettono di differenziare tra specie diverse, quindi dobbiamo rivolgerci a sequenze di DNA che ci dicono quanto siano simili alcuni isolati ad altri”, aggiunge Juan Moral, per poter classificare loro da specie filogenetiche. 

Dopo aver utilizzato 7 regioni geniche specifiche per questa identificazione, sono state identificate 12 specie di Colletotrichum nella collezione studiata, stabilendo le specie più diffuse in Spagna, Grecia, Tunisia, Portogallo e California. 

In queste aree di produzione è solitamente presente una specie dominante e una o due specie secondarie. 

La più alta diversità di specie è stata trovata in Australia, con 8 diverse specie di Colletotrichum. In Andalusia la specie maggioritaria è Colletotrichumgodetiae, ed è stato notato che è particolarmente specializzato in olivi, forse a causa di una continua interazione olivo-patogeno. 

Lo studio ha anche riscontrato differenze significative nella virulenza della malattia nella coltura a seconda della specie e dell’origine dell’ospite. “Abbiamo visto differenze di sensibilità ai fungicidi tra specie e quando inoculiamo varietà diverse, si riscontrano anche differenze di virulenza tra questi isolati”, ha sottolineato Antonio Trapero. 

Inoltre, “avere isolati da molti paesi mostra come anche gli isolati della stessa specie si comportano diversamente a seconda dell’area geografica da cui provengono”, ha precisato Carlos Agustí.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE