fbpx

Arriva il tatuaggio che svanisce (l’inchiostro è biodegradabile)

Scienza&Tecnologia

Tatuaggi veri ma effimeri, svaniscono fra i 9 e i 15 mesi dall’applicazione. Senza lasciare traccia né rilasciare sostanze tossiche. Li propone una start-up di New York, nel tentativo di raggiungere nuovi clienti fra quelli più titubanti a farsi un tatuaggio permanente. “Se ne andrà, non mi preoccupa” sorride con un pizzico di malizia Abigail Glasgow mentre il tatuatore sta scrivendo il nome del fidanzato (attuale).

Per anni, i tatuatori hanno offerto disegni “semipermanenti”, principalmente in Asia. Ma quelli erano tatuaggi tradizionali un po’ più tenui, che sbiadivano e si deterioravano ma non scomparivano del tutto. Quelli proposti da “Ephemeral” sono tatuaggi veri con un inchiostro biodegradabile che ha richiesto sei anni di studio per diventare un prodotto utilizzabile. La composizione chimica prevede l’uso di sole sostanze approvate dalla Federal Drug Administration. Josh Sakhai, uno dei tre co-fondatori di Ephemeral, spiega che sono state necessarie 50 formulazioni diverse per arrivare all’inchiostro che sparisce e molte le ha provate direttamente. “Sono stato una cavia di me stesso” sorride. La formula è stata sviluppata in un laboratorio di Milford (Connecticut) subito a nord di New York, in collaborazione con alcuni dermatologi.

Prima di sparire completamente, il tatuaggio effimero non si diluisce o sfoca sporadicamente nel tempo; al contrario, le linee rimangono nitide e i disegni svaniscono in modo uniforme. Per ora c’è solo il nero, il costo è fra i 175 e i 450 dollari. agi

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE