fbpx

Bari – Mattinata di tamponi e pomeriggio di lavoro. Il mercato chiosa ma è fermo

Sport & Motori

La solita ridda di voci, tipiche di questo periodo. Non se ne può, proprio, fare proprio a meno ed i tifosi che, inevitabilmente, pendono dalla righe dei giornali affamati di “voci” che, nella maggior parte dei casi, rimangono mestamente solo tali. Un classico, insomma. Del resto è anche comprensibile dato il momento delicato per il mercato, ma quello che possiamo dirvi con assoluta certezza è che, ad oggi, non v’è ancora nessuna novità sul “gate” arrivi e partenze. Nessun “volo” decolla e nessun altro atterra sul ritiro di Storo. Si continua coi diciassette monchi degli undici positivi.

Alcune di queste voci vedrebbero rimanere alcuni giocatori in rosa, cosa possibile a causa del fatto che molti non hanno mercato per la infelice stagione trascorsa, e anche a causa del fatto che alcuni di loro hanno un contratto lungo ed oneroso (Sabbione, ad esempio), tutti errori di valutazione delle precedenti gestioni, il covid, poi, ci mette del proprio per ritardare gli affari perché si ha sempre un po’ di scetticismo e di timore nei trasferimenti, del resto non è solo il Bari ad essere colpito, ma anche altre squadre e guarda caso, anche in quelle squadre il mercato è fermo. Un caso? Non crediamo.

Insomma, una situazione di mercato anomala come del resto il ritiro del Bari, e riteniamo che Polito non abbia alcuna colpa, anzi. Si veda il caso Mazzotta: doveva esser in ritiro da una settimana ed invece tarda ancora ad arrivare. Un tiepido interessamento verso Monaco svincolatosi dal Perugia, ma nulla più. Doveva essere l’ennesima rivoluzione ed invece, all’attualità, registriamo i soli arrivi di Cheddira e di Belli e le uscite di Neglia, Ciofani, Candellone, D’Orazio e Berra, guarda caso, andati via prima del contagio dei giocatori.

Nel frattempo dopo una mattinata trascorsa a sottoporsi ai tamponi, i giocatori son tornati ad allenarsi dimostrando anche un ottimo umore senza Marras e Simeri che hanno lavorato in differenziato.

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube