fbpx

Brucia un deposito di vernici, paura alle porte di Roma

Lazio

Pubblicato da:

alle ore: 03:07

Sono state le esalazioni causate dal materiale bruciato ad allarmare i soccorritori. Il rogo ha sprigionato, infatti, una  densa colonna di fumo nero visibile fino ai Castelli Romani.

©  Agi – Incendio deposito di vernici a Roma

AGI – Allarme, nel primo pomeriggio, per un vasto incendio scoppiato in un magazzino di vernici nella zona industriale di Monterotondo, a nord della Capitale. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con quattro squadre e il nucleo biologico chimico radiologico (Nbcr). Molta paura, ma nessun ferito.

Sono state le esalazioni causate dal materiale bruciato ad allarmare i soccorritori. Il rogo ha sprigionato, infatti, una  densa colonna di fumo nero visibile fino a Roma e ai Castelli Romani. Il sindaco di Monterotondo, Riccardo Varone ha emanato per precauzione un’ordinanza di chiusura di porte e finestre oltre alla sospensione di tutte le attività all’aperto.

Un invito che poi si è esteso anche ai comuni confinanti: Fiano Romano e Montelibretti. Allertata anche la protezione civile affinché predisponga, attraverso Arpa, controlli per il monitoraggio di eventuali sostanze tossiche presenti nell’aria. L’incendio “fortunatamente è sotto controllo”, ha rassicurato il primo cittadino di Monterotondo.

In particolare l’ordinanza del comune romano invita i cittadini a “mantenere la chiusura delle porte e finestre delle abitazioni e delle attività commerciali, industriali e di servizi, al fine di prevenire un possibile passaggio di inquinanti, compresi gli impianti di areazione forzata (condizionatori ed impianti di aria condizionata) fino a cessato allarme”.

È fatto altresì divieto “di svolgere attività all’aperto, comprese manifestazioni, attività ludiche, attività sportive in genere ed altri eventi programmati all’aperto, nonché – prosegue l’ordinanza – la frequentazione di spazi all’aperto da parte di animali domestici; di esporre prodotti alimentari fuori degli esercizi di vendita; la raccolta ed il conseguente consumo di frutta e verdura presso orti domestici e aziende agricole”.

Come spiegato dal sindaco di Fiano Romano, Davide Santonastaso “sia i vigili del fuoco che gli ingegneri specializzati stanno operando in loco con riguardo alla pericolosità e tossicità, al momento non ci è arrivata nessuna comunicazione da parte delle autorità preposte, altrimenti sarebbe stata diramata un’ordinanza sindacale in merito alla questione”.

Le aziende vicine al luogo dell’incendio sono state fatte evacuare in via precauzionale: a rendere difficile il lavoro dei vigili è stata l’infiammabilità dei materiali presenti nel deposito di vernici andato a fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube