fbpx

Caro energia: la politica non puo’ restare a guardare

Attualità & Cronaca

Written by:

L’allarme dell’Unione Artigiani Italiani

“Per ora tante parole, buoni propositi, progetti, ma nulla di concreto. Non vi è sera che in talk show televisivo si parli di caro energia, di imprese in ginocchio, delle conseguenze della guerra in Ucraina, di razionamento, di ricette per il risparmio e potremmo stare ore qui a parlare di quante ne vengono dette”.

Il Presidente dell’Unione Artigiani Italiani e delle PMI Gabriele Tullio inchioda la politica, chiamandola a mettere in pratica atti concreti su un aspetto che sta diventando di fondamentale importanza per la vita del Paese, quello del caro energia:

“Cosa sta facendo realmente – domanda Tullio – per imprese e famiglie il Governo dei migliori?  Abbiamo un’inflazione a livelli stratosferici, con i prezzi al consumo che sembrano non trovare un punto di arresto e cosa vediamo fare dalla Banca Centrale Europea BCE? Aumentare i tassi dello 0,75%!”.

Il Presidente UAI incalza: “Non sono un economista, e mi occupo solo di lavoro reale e di problemi delle imprese, e chiedo: ma se un’azienda è già in difficoltà per il caro energia e gli aumenti delle materie prime si vede aumentare dalla propria banca anche gli interessi sugli affidamenti e gli scoperti di conto, quale aiuto sta ricevendo dall’Europa?

Logicamente – conclude Tullio – il problema non è solo del mondo imprenditoriale ma anche per le famiglie che vedranno i loro mutui a tasso variabile lievitare e di conseguenza continueranno a perdere potere d’acquisto con i loro salari già bassi rispetto al resto d’ Europa. Mi auguro che il 25 settembre, questo Paese trovi la forza di rinnovare la classe politica, in grado di capire le reali esigenze delle famiglie e delle imprese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube