fbpx

Centinaia i voli cancellati negli Usa per il 5G, ma non c’è stato il caos

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 10:24

Gli operatori telefonici hanno iniziato a usare le frequenze. La faa ha aggiunto tre nuovi radioaltimetri per proteggere il traffico.

© SOEREN STACHE / dpa-Zentralbild / dpa Picture-Alliance via AFP

  – Voli in partenza e in atterraggio

 

AGI – Gli operatori telefonici AT&T e Verizon hanno iniziato a implementare nuove bande di frequenza 5G negli Stati Uniti, causando la cancellazione di centinaia di voli ma non i gravi disagi temuti dalle compagnie aeree, a causa delle possibili interferenze con la strumentazione di bordo. 

Secondo il sito web flightaware, circa 261 voli in decollo o atterraggio da un aeroporto statunitense sono stati cancellati intorno alle 20:15 italiane. Il numero potrebbe aumentare nel corso della giornata americana ma è inferiore alle cancellazioni di martedì e alle 538 di mercoledì scorso. 

Alcune compagnie con sede al di fuori degli Stati Uniti hanno cancellato i voli a lungo raggio verso alcuni aeroporti, tra cui Emirates, Air India, Ana e Japan Airlines.

Le ultime due avevano inizialmente indicato di aver ricevuto informazioni su possibili interferenze tra gli altimetri dei loro Boeing 777 e le frequenze 5G, ma da allora hanno ricevuto una nuova notifica dall’autorità aeronautica americana (Faa) che li ha rassicurati circa l’assenza di particolari problemi. Le due compagnie riprenderanno quindi il normale programma di volo.

AT&T e Verizon hanno pagato decine di miliardi di dollari all’inizio del 2021 per i diritti di utilizzo di nuove bande di frequenza per il 5G. Da allora, l’industria aeronautica ha espresso preoccupazioni sul fatto che queste frequenze, vicine a quelle utilizzate dai radioaltimetri nei pressi degli aeroporti, potrebbero interferire con questi importanti strumenti per l’atterraggio in determinate condizioni meteo.

La Faa ha recentemente chiesto adeguamenti e lunedì i capi di dieci compagnie aeree hanno invitato le autorità statunitensi a intervenire “immediatamente” per prevenire “interruzioni significative” al traffico. AT&T e Verizon, dopo aver già posticipato due volte il lancio del sistema 5G della nuova tecnologia per telefonia mobile, martedì hanno concordato di rinviare temporaneamente l’attivazione delle torri di telefonia mobile attorno ad alcune piste aeroportuali. Pur mantenendo il lancio del 5G nel resto del Paese.

La Faa ha dichiarato di aver dato il via libera a tre radioaltimetri aggiuntivi, consentendo a circa il 62% della flotta di aerei commerciali negli Stati Uniti di effettuare atterraggi in bassa visibilità negli aeroporti vicino ai quali è stato schierato il nuovo 5G. 

Inoltre, le misure negoziate ieri con gli operatori consentono di estendere il numero di aeroporti che possono ospitare gli aeromobili in tutta sicurezza, ha rilevato la Faa in un comunicato stampa.

“I voli in alcuni scali potrebbero ancora risentirne”, ha aggiunto l’agenzia, sottolineando però che continuerà a collaborare con i produttori dei dispositivi. “Sebbene ci sia ancora del lavoro da fare tra tutte le parti interessate”, il gesto degli operatori rappresenta “un passo importante verso una soluzione permanente”, ha accolto da parte sua con favore la federazione che rappresenta le compagnie aeree negli Stati Uniti, la A4A.

AT&T ha confermato di aver lanciato le nuove bande di frequenza, che aumentano la velocità e aumentano l’estensione della rete 5G esistente, in otto grandi metropoli. Il ceo di Verizon, Hans Vestberg, ha indicato sul canale Cnbc che il dispiegamento delle nuove bande di frequenza era iniziato in più di 1.700 città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube