fbpx

Cina : croci in fiamme, persecuzioni contro i Cristiani

Mondo

 

In Cina croci e crocifissi vengono rimosse con la forza, i Cristiani sono perseguitati. In questo modo non si trovano più le Chiese ; il partito comunista cinese mette le sue bandiere comuniste al posto delle Croci.

In Cina vivono oltre 20 milioni di persone che professano la religione Cristiana. Teoricamente la costituzione cinese garantisce alle persone di credere e professare liberamente la propria religione; ma non è così. Il PCC ha soppresso tutte le religioni 70 anni fa.
Il regime minaccia, arresta e sorveglia i credenti utilizzando addirittura il riconoscimento facciale , demolisce le chiese ed i luoghi di culto e costringe a venerare il Partito comunista.
Negli ultimi tempi il PCC ha trovato altri modi per distruggere qualsiasi tipo  di croce o crocifisso esistente : alcune di esse vengono rimosse , altre bruciate ed altre ancora vengono sostituite con bandiere nazionali cinesi.
Mentre gli USA hanno come simbolo della propria bandiera i 50 stati membri, la Cina ha come simbolo della propria bandiera il sostegno del popolo cinese ed il rosso che rappresenta il sangue dei rivoluzionari comunisti.
I pretesti per rimuovere le croci e sostituirle con bandiere cinesi sono svariati : da croci troppo vistose , posizionate troppo in alto o più in alto rispetto alla bandiera PCC ma in realtà un funzionario cinese ha affermato che la reale motivazione è che se si tolgono le croci, le Chiese non sio vedono più.
Il PCC ha inoltre minacciato di demolire le Chiese qualora i membri della Chiesa non  rimuovano le croci.
Un appello della Madonna di Anguera del 9 gennaio scorso fa molto riflettere.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE