fbpx

Clima. Allarme Onu: molti rischi anche con aumenti di +1,5°

Ambiente & Salute

Un nuovo rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) torna a chiedere sforzi urgenti per aumentare il finanziamento e l’attuazione di azioni progettate per adattarsi ai crescenti impatti del cambiamento climatico. Secondo l’Adaptation Gap Report 2021: The Gathering Storm, infatti, mentre le politiche e la pianificazione per l’adattamento ai cambiamenti climatici stanno crescendo, il finanziamento e l’attuazione sono ancora molto indietro rispetto a dove dovrebbero essere. Inoltre, il rapporto rileva che l’opportunità di utilizzare la ripresa economica dalla pandemia di Covid-19 per dare priorità alla crescita economica verde che aiuta anche le nazioni ad adattarsi agli impatti climatici come siccità, tempeste e incendi, al momento “è stata ampiamente persa”.

”Mentre il mondo cerca di intensificare gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra – sforzi che non sono ancora abbastanza forti sotto nessun aspetto – deve anche aumentare drasticamente il suo impegno per adattarsi ai cambiamenti climatici”, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP. “Anche se chiudessimo oggi il rubinetto delle emissioni di gas serra, gli impatti del cambiamento climatico rimarrebbero con noi per molti decenni a venire. Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale in termini di ambizione e di finanziamento per ridurre significativamente i danni e le perdite da cambiamento climatico.

E ne abbiamo bisogno ora”. 

Gli attuali accordi di Parigi indicano un riscaldamento globale di 2,7°C entro la fine del secolo. Anche se il mondo limitasse il riscaldamento a 1,5°C o 2°C, come indicato nell’accordo, spiega l’Unep, permangono molti rischi climatici. “Sebbene una forte mitigazione sia il modo migliore per ridurre gli impatti e i costi a lungo termine, aumentare l’ambizione nell’adattamento, in particolare per il finanziamento e l’attuazione, è fondamentale per evitare che i divari esistenti si allarghino. Il rapporto rileva che i costi di adattamento sono probabilmente nella fascia più alta di circa 140-300 miliardi di dollari all’anno entro il 2030 e di 280- 500 miliardi di dollari all’anno entro il 2050 solo per i paesi in via di sviluppo.

I finanziamenti per il clima che affluiscono ai paesi in via di sviluppo per la pianificazione e l’attuazione della mitigazione e dell’adattamento hanno raggiunto 79,6 miliardi di dollari nel 2019. Nel complesso, i costi di adattamento stimati nei paesi in via di sviluppo sono da cinque a dieci volte superiori agli attuali flussi finanziari pubblici per l’adattamento e il divario si sta ampliando.

Ben 16,7 trilioni di dollari di stimolo fiscale sono stati distribuiti in tutto il mondo, continua il rapporto, ma solo una piccola parte di questo finanziamento è stata mirata all’adattamento. Meno di un terzo dei 66 paesi analizzato nel rapporto aveva finanziato esplicitamente misure Covid-19 per affrontare i rischi climatici a partire dal giugno 2021. Allo stesso tempo, l’aumento del costo del debito, combinato con la la diminuzione delle entrate pubbliche, potrebbero ostacolare la futura spesa pubblica per l’adattamento, in particolare nei paesi in via di sviluppo.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE