fbpx

Costa Concordia, Schettino “detenuto modello”: segue due corsi universitari in carcere

Attualità & Cronaca

Si definisce “un capro espiatorio lasciato solo” Francesco Schettino, condannato nel 2017 a 16 anni di reclusione per il naufragio della Concordia che dieci anni fa costò la vita a 32 persone nel tratto di mare di fronte all’Isola del Giglio. “Non ho mai dimenticato le 32 vittime”, ha dichiarato ancora Schettino, che da quattro anni e mezzo sta scontando la pena nel carcere di Rebibbia. Qui il 61enne si è dimostrato un “detenuto modello” e frequenta corsi universitari in legge e giornalismo.

© Ansa Costa Concordia, Schettino “detenuto modello”: segue due corsi universitari in carcere

“La gente forse non ci crederà, ma anche io ho i miei incubi“, ha proseguito Schettino. A maggio 2022, dopo aver scontato un terzo della pena, l’ex marinaio potrà chiedere di essere ammesso a misure alternative rispetto alla detenzione in prigione.

Detenuto modello – In carcere Schettino è stato definito “gentile e rispettoso di tutti”, “benvoluto” secondo il cappellano. Oltre a seguire due corsi universitari, si dedica allo sport e attende gli incontri con la figlia Rossella, che per 500 giorni erano stati sospesi causa Covid.

Il legale: “Schettino è l’unico a pagare, ma c’è stato un errore organizzativo” – Come riporta La Stampa, Schettino ha fatto sapere tramite il suo legale di “continuare a fare un percorso psicologico non facile. Anche lui in fondo è un naufrago, pensa e ripensa a quella maledetta notte e a quei trentadue morti. Lui è l’unico a pagare con il carcere, ma la verità è che all’origine del naufragio c’è stato un errore organizzativo. Si è voluto cercare un colpevole, non la verità”. Ritiene di essere stato vittima “di un processo mediatico prima ancora che giudiziario”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube