fbpx

Covid in Italia: Bassetti elogia Boris Johnson, Ricciardi la ritiene una scelta delirante

Ambiente & Salute

La scelta di Boris Johnson fatta nel Regno Unito, con la riapertura di tutto il prossimo 19 luglio, eliminando distanziamento e mascherine al chiuso, non trova tutti i virologi italiani d’accordo. Per Matteo Bassetti, primario di malattie infettive all’Ospedale San Martino di Genova, la scelta di Boris Johnson è una lezione di vita data all’Italia ma anche agli altri Paesi europei. Non è dello stesso parere Walter Ricciardi, che ritiene invece la scelta del premier inglese, una scelta delirante.

Bassetti elogia la scelta di Boris Johnson

Matteo Bassetti elogia la decisione presa dal Regno Unito e da Boris Johnson. Il 19 luglio il premier inglese abolirà tutte le restrizioni, dal distanziamento alla mascherina, che rimarrà obbligatorio indossare solo negli ospedali.

Secondo Bassetti avremo nei prossimi mesi anche in Italia un tributo fisiologico, e nell’arco dell’anno prossimo si prevedono 7/8 mila morti. In Inghilterra i contagi potranno arrivare fino a 50mila al giorno, e di sicuro i decessi aumenteranno rispetto ad oggi.

Ma quello che avverrà nel Regno Unito deve essere una lezione per l’Italia e per tutti gli altri Paesi. Bisogna imparare una convivenza ragionata con il Covid, e farlo adesso quando ci troviamo in estate e le scuole sono ancora chiuse, può risultare un ottima prova di maturità per tutti.

Da precisare che il Regno Unito per la data della completa riapertura, il 19 luglio, avrà la popolazione vaccinata con due dosi al 70%. Di sicuro bisognerà mettere in conto nuovi ricoveri e decessi, ma di sicuro non come è accaduto in precedenza. Lo stesso fenomeno lo avremo anche in Italia.

Regno Unito esempio per tutti

La grande campagna dei vaccini fatta nel Regno Unito deve servire come esempio per tutti gli altri. Gli inglesi sono stati dei veri maestri per quanto riguarda l’infettivologia, sia europea che mondiale. I vaccini stanno funzionando abbastanza bene, e ricoveri e decessi non stanno aumentando.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE